Mafia

Gela, estorsioni e droga: 22 arresti dopo le denunce degli imprenditori vessati

Duro colpo alla mafia dei Nebrodi, 23 persone in manette
Duro colpo alla mafia dei Nebrodi, 23 persone in manette
24 nov 2015 - 07:59

GELA - La squadra mobile nissena ha eseguito un’operazione a Gela arrestando 22 persone appartenenti ai clan Emmanuello e Rinzivillo, vicini a Cosa Nostra. Le accuse sono di associazione mafiosa, aggravata dall’uso delle armi, finalizzata al traffico di sostanze stupefacenti ed alle estorsioni.

Nel corso dell’operazione è stato arrestato anche il nuovo “reggente” di Cosa nostra di Gela e sono stati decapitati i vertici dell’organizzazione criminale.

L’operazione, denominata “Redivivi”, ha consentito agli inquirenti, di ricostruire i nuovi assetti della mafia gelese. Le indagini sono state avviate sulla base delle dichiarazioni di alcuni imprenditori gelesi che, nel 2014, hanno deciso di ribellarsi iniziando così a collaborare con gli investigatori grazie anche al supporto dell’Associazione Antiracket di Gela.

Redazione NewSicilia



© RIPRODUZIONE RISERVATA