Protesta

Gela, bloccati gli ingressi alla città dai dipendenti Eni. “Inganno di Stato”

eni
19 gen 2016 - 09:28

GELA - Le organizzazioni sindacali parlano di “inganno di Stato”.

Scatta la protesta dei lavoratori dell’indotto e dei dipendenti del petrolchimico Eni che dalle 4 di stamattina hanno paralizzato il traffico sulle strade per Catania e per Licata.

I blocchi organizzati dai Cgil, Cisl e Uil rappresentano un’azione di protesta contro la chiusura della raffineria e contro la sua mancata riconversione in “green refinery”.

I lavoratori delle imprese appaltatrici, fermi da oltre due anni ed esauriti tutti gli ammortizzatori, rischiano il licenziamento perché i cantieri previsti dal protocollo d’intesa del novembre 2014 non sono mai stati aperti.

A distanza di due anni dall’accordo la situazione è in una fase di stallo perché Stato, Regione, Comune, Eni e parti sociali non riescono a trovare la strada per siglare l’accordo di programma, indispensabile per risolvere la questione.

“È iniziata stanotte – dice il segretario provinciale della Cgil, Ignazio Giudiceuna mobilitazione lunga e faticosa per impedire che dopo la raffineria chiuda anche la città. Ci appelliamo a Renziaggiunge Giudice – perché dia risposte a favore di disoccupati, precari, nuovi poveri e commercianti, non con elemosine ma con una legge speciale per Gela che garantisca salute e lavoro”.

Commenti

commenti

Marco Bua



© RIPRODUZIONE RISERVATA

Lascia un Commento