Illegalità

Gela, 39 impiegati su 75 in nero, maxi sanzione da 70.000 euro al datore di lavoro

Finanza
4 ago 2016 - 13:01

GELA -  Si sono conclusi gli accertamenti sul lavoro irregolare svolti dalle Fiamme Gialle di Gela nei confronti di una cooperativa impegnata nella lavorazione di prodotti ortofrutticoli. L’attività ha portato all’individuazione di ben 39 lavoratori in nero ed è stata applicata la maxi-sanzione al datore di lavoro.

I militari della Compagnia di Gela avevano individuato, e sottoposto ad ispezione, alcuni capannoni adibiti alla lavorazione e trasformazione di prodotti da campo. L’intervento aveva permesso di verificare la presenza di 75 lavoratori, 39 dei quali non assunti regolarmente, in quanto carenti della prevista comunicazione al centro per l’impiego.

I finanzieri hanno così provveduto a contestare una maxi sanzione di oltre 70.000 euro, che potrà raddoppiare se il datore di lavoro non vi ottempera entro 60 giorni.

La nuova normativa in effetti è chiara: in caso di instaurazione di un rapporto di lavoro, il datore deve effettuare la comunicazione al competente centro per l’impiego entro il giorno precedente all’espletamento dell’attività. Sul tema, il d.lgs. 151/2015 ha introdotto la maxi-sanzione che prevede un sistema sanzionatorio che varia in funzione delle giornate di lavoro in cui il dipendente ha prestato la sua opera senza essere regolarmente assunto. 

 

Redazione NewSicilia



© RIPRODUZIONE RISERVATA