Agricoltura

Più frutta nelle bibite, plauso anche di Coldiretti Catania

arancia 1
23 ott 2014 - 16:36

CATANIA – “Siamo soddisfatti dell’aumento della percentuale di arance nelle bibite anche per i risvolti economici che ne scaturiscono per l’agricoltura catanese. È una battaglia vinta dalla Coldiretti. Una battaglia iniziata anni fa e che ha portato ad un risultato che possiamo definire storico che fa chiarezza per i consumatori e contribuisce allo sviluppo economico“. È quanto afferma il presidente della Coldiretti di Catania, Giovanni Pappalardo, dopo l’approvazione in Parlamento della legge che impone il passaggio della percentuale di frutta vera dal 12 al 20 per cento. Del resto con circa 5 milioni di quintali e una superficie di oltre 25 mila ettari, la nostra provincia detiene il primato agrumicolo.

giovanni pappalardo

“Auspichiamo che anche in sede di istituzioni europee vengano assunti analoghi provvedimenti e in tal senso confidiamo nell’importante ruolo che potranno svolgere i rappresentanti politici nazionali ed europei espressione della nostra provincia. Vogliamo anche ricordare - prosegue Giovanni Pappalardo - che per ogni aranciata, che costa in media 1,3 euro a litro, all’agricoltore vanno solo 3 centesimi. Una situazione che alimenta una intollerabile catena dello sfruttamento che colpisce gli agricoltori, i lavoratori ed i trasformatori attenti al rispetto delle regole. È quindi privo di fondamento il timore paventato da alcuni industriali che ipotizzano già un incremento considerevole del prezzo finale al consumatore e ciò viene ulteriormente dimostrato dal fatto che già oggi alcune importanti aziende produttrici di aranciate abbiano volontariamente da tempo innalzato la percentuale di succo a prezzi competitivi sul mercato“.

Le arance - conclude il presidente della Coldiretti etnea - sono importanti per l’alimentazione e speriamo che alla vigilia della nuova campagna agrumicola la grave crisi che ha colpito il comparto, anche a causa delle importazioni massicce, possa essere superata“.

Commenti

commenti

Redazione NewSicilia



© RIPRODUZIONE RISERVATA

Lascia un Commento