Pestaggio

“A fro’, non mi rompere i c…”. Aggredito perché gay: studente siciliano finisce in ospedale. IL VIDEO

13161950_10208192421242102_5349481961426802165_o
25 gen 2017 - 12:12

ROMA - Malmenato e pestato a botte e pugni e scaraventato contro una fioriera di un bar da due sconosciuti solo perché omosessuale. 

Questo è quanto accaduto domenica sera a Roma a Vincenzo Paolino, giovane studente originario di Scicli di 24 anni. Il giovane camminava tranquillo in mezzo alla gente in via Tuscolana, all’altezza della fermata della metropolitana Lucio Sestio, quando i due, di età più o meno sui 50 anni, lo hanno notato e lo hanno aggredito urlandogli “A fro, non mi rompere i c…“.

Vergognosa l’indifferenza generale dei passanti che, per evitare di essere coinvolti nella rissa, si sono subito allontanati e non l’hanno nemmeno aiutato a rialzarsi. Quando però i due aggressori sono scappati una ragazza e un ragazzo sono intervenuti in suo soccorso e hanno chiamato ambulanza e polizia. Inoltre le telecamere del bar, che hanno ripreso l’accaduto, potrebbero essere utili per identificare i due aggressori.

Il giovane, che nella capitale svolge anche un’attività di promoter, è stato subito portato al policlinico Casilino dove gli è stata data una prognosi di 15 giorni. In una video intervista esclusiva a Pride Online, ha puntualizzato come quest’episodio debba servire a combattere l’omofobia, una piaga sempre più dilagante, ma anche come, malgrado l’accaduto, non si perde d’animo.

Commenti

commenti

Redazione NewSicilia



© RIPRODUZIONE RISERVATA

Lascia un Commento