Arresto

Floridia: calci e pugni alla moglie davanti ai figli, aggredisce anche i carabinieri

Carabinieri
3 mag 2017 - 19:41

SIRACUSA - Ennesimo episodio di maltrattamenti in  famiglia avvenuto la scorsa notte nel centro abitato di Floridia.

I vicini di casa esasperati e preoccupati per le urla e i rumori all’interno di un’abitazione, hanno chiesto l’intervento di una pattuglia dei Carabinieri. Giunti sul posto i militari della Tenenza di Floridia sono riusciti a salvare una donna che, nel tentativo di andare a riprendere alcuni effetti personali lasciati nella propria abitazione dalla quale era fuggita dopo le ripetute violenze ricevute dal marito, è stata minacciata di morte da quest’ultimo che dalla cucina aveva preso un coltello con l’intenzione di colpirla.

Poco prima la donna aveva avuto una discussione accesa con il marito per motivi di gelosia ed era stata picchiata violentemente con pugni e calci alla presenza dei figli, fino a quando non era riuscita a lasciare la casa, per poi essere accompagnata all’ospedale di Siracusa.

Sul posto i Carabinieri, non appena arrivati sono stati aggrediti a loro volta dal marito, Giuseppe Faraci, di Floridia, classe 1971, con precedenti di polizia, ma fortunatamente sono riusciti a sottrarsi alla furia dell’uomo traendo in salvo la donna. L’uomo, che da tempo aveva questi comportamenti, è stato dichiarato in arresto per maltrattamenti in famiglia e resistenza a Pubblico Ufficiale e quindi, su disposizione dell’AG di Siracusa, tradotto nella Casa Circondariale di Cavadonna. 

Commenti

commenti

Redazione NewSicilia



© RIPRODUZIONE RISERVATA