Meteo

Fiocchi di neve in Sicilia: a picco le temperature e l’Etna si veste di bianco

neve in Sicilia
9 feb 2015 - 11:23

SICILIA – Fiocchi di neve alla periferia di Palermo ma anche a Giacalone, Pioppo , Altofonte, Corleone e Monreale. Vestiti di bianco il monte Cuccio e l’Etna.

Continua, dunque, l’ondata di freddo gelido, proveniente dalla Scandinavia, che sta sferzando l’intera Sicilia, con maggiore intensità per le province sulla costa est.

Il brusco calo delle temperature, preventivato per la notte tra l’8 e il 9 febbraio, ha portato grandi quantità di neve sulle province siciliane, con temperature inferiori allo 0, e sull’Etna, dove, nella notte, si sono toccati i -10° sotto i duemila metri di quota.

Proprio a Palermo ci sono stati disagi anche per gli automobilisti, infatti il traffico è stato rallentato per la presenza dei mezzi spazzaneve ma non è stato l’unico posto, infatti, rallentamenti si sono registrati su diverse strade statali, come la 514 vicino Vizzini, Floresta, Piazza Armerina e sulla strada che da Bronte porta a Maletto. Venti centimetri di neve anche nei paesini alle pendici dell’Etna come Nicolosi, Pedara e Trecastagni

Il gelo sarà molto simile a quello dell’irruzione di fine 2014 – inizio 2015, ma stavolta le precipitazioni saranno molto più estese, diffuse e abbondanti. Le zone più colpite, saranno quelle della provincia catanese, palermitana e messinese: proprio su Messina, potrebbero cadere fino a 15 cm di neve in spiaggia.

Attenzione ai venti impetuosi di tramontana, che potranno raggiungere i 130km/h nel mar Jonio e saranno simili a quelli di un uragano per tutta la giornata di oggi e di domani, martedì 10 febbraio, provocando danni e disagi oltre a violente mareggiate sulle coste esposte.

La protezione civile, non ha diramato alcun allerta meteo per i prossimi giorni confermando, però, che potrebbero verificarsi forti ed intente precipitazioni.

Ecco il servizio di Vittoria Marletta con le immagini di Guido Messina per i telegiornali di VideoMediterraneo:

Commenti

commenti

Giuseppe Correnti



© RIPRODUZIONE RISERVATA

Lascia un Commento