Frode

Finanziamenti agricoli europei ottenuti illecitamente: quasi 400 mila euro di sequestro

Guardia Finanza
14 mar 2017 - 08:49

MESSINA - I finanzieri della Tenenza di Sant’Agata di Militello (Me), nel corso di approfondite indagini svolte nel settore delle indebite percezioni dei finanziamenti agricoli erogati con fondi pubblici europei, hanno sottoposto a sequestro, nei giorni scorsi, beni immobili e somme di denaro per un valore complessivo di oltre 380 mila euro, denunciando alla Procura della Repubblica di Catania il titolare di un’azienda agricola di Randazzo (Ct).

I controlli eseguiti dalle Fiamme Gialle hanno avuto origine dall’esame di alcune segnalazioni inviate dal Nucleo Speciale Spesa Pubblica e Repressione Frodi Comunitarie della Guardia di Finanza di Roma, che riguardavano aziende agricole beneficiarie di finanziamenti comunitari operanti nella zona nebroidea.

L’attenzione degli investigatori si è focalizzata sui documenti di un’azienda che presentavano alcune anomalie. In particolare, i contratti d’affitto di alcuni terreni contenevano dati anagrafici e firme di proprietari che risultavano deceduti in date antecedenti alla stipula (alcuni anche da oltre un decennio) mentre una delibera di Giunta di un Comune della provincia di Catania, relativa alla concessione in affitto di beni demaniali era stata falsificata nel contenuto, mediante la sostituzione del soggetto beneficiario e delle superfici indicate. Le domande per gli aiuti erano state presentate attraverso un centro di assistenza agricola di Cesarò (Me).

I finanzieri santagatesi, nel corso delle indagini, hanno potuto rilevare l’utilizzazione dei citati elementi falsi in quattordici diverse richieste di concessione di contributi pubblici, inoltrate all’AG.E.A., l’agenzia per le erogazioni in agricoltura, in un arco temporale tra il 2007 e il 2013. Inoltre, l’attenta analisi dei dati riportati nelle istanze ha permesso di constatare che le superfici illecitamente utilizzate erano pari, in alcuni casi, a ben duecento ettari e incidevano per oltre il trentacinque per cento sul totale indicato in domanda.

Il titolare dell’azienda agricola, R.S., di 65 anni, è stato denunciato alla competente autorità giudiziaria per truffa aggravata per il conseguimento di erogazioni pubbliche, reato che prevede la reclusione fino a sei anni. Successivamente, il G.I.P. del Tribunale di Catania, dottoressa Gaetana Bernabò Distefano, ritenendo sussistenti i presupposti rappresentati dal sostituto procuratore della Repubblica, dottor Andrea Norzi, ha disposto la misura cautelare del sequestro preventivo delle somme presenti sui conti correnti e di ben ventidue tra terreni e fabbricati, riconducibili al titolare dell’azienda agricola, sino alla concorrenza dell’importo indebitamente percepito pari, come detto, a più di 380 mila euro.

Commenti

commenti

Redazione NewSicilia



© RIPRODUZIONE RISERVATA