Droga

Festino a base di canne e Playstation, due studenti finiti in manette

canne
23 mag 2017 - 12:02

ENNA - Continuano senza sosta i servizi mirati al contrasto dello spaccio di sostanze stupefacenti da parte dei carabinieri di Enna. In nottata sono stati arrestati in flagranza di reato, ai sensi dell’art. 73 del DPR 309/90, Edoardo Fontanazza, 19 anni, studente ennese e Paolo Caligiore, 21 anni, studente universitario siracusano.

La scorsa notte i militari della compagnia di Enna, sono riusciti a stroncare un canale di approvvigionamento di stupefacente per il mercato locale: grazie ad una preliminare, meticolosa e costante raccolta di informazioni, i carabinieri, avuto sentore di “strani movimenti”, si sono appostati nei pressi di una casa lontana dal centro abitato.

Entrati in azione i carabinieri hanno bloccato le persone all’interno della casa iniziando a prendere le generalità dei partecipanti del “festino”, il gruppetto ha sin da subito ammesso di aver consumato della marijuana ma nel corso della perquisizione i militari hanno trovato, più o meno nascosti, 500 grammi circa di marijuana.

Sono stati trovati, inoltre, quasi 800 euro in banconote di piccolo taglio e materiale per preparare le “dosi” (bilancini di precisione, carta cellophane).

I due arrestati si sono subito assunti la “paternità” della sostanza mentre il resto dei componenti del festino sono stati segnalati alla prefettura.

Visti i gravi indizi a carico, su disposizione dell’autorità giudiziaria, gli arrestati sono stati posti in regime di arresti domiciliari.

Commenti

commenti

Redazione NewSicilia



© RIPRODUZIONE RISERVATA