Controlli

Festa di compleanno sotto casa del boss: palco, luci e cantanti neomelodici in onore del “festeggiato”

Immagine di repertorio
Immagine di repertorio
29 ago 2015 - 13:32

CATANIA - Un compleanno coi fiocchi quello che stavano preparando per un boss del clan Santapaola-Ercolano, costretto ai domiciliari. Un vero e proprio “festival” con sette cantanti neomelodici pronti a esibirsi proprio sotto la finestra di casa sua, con tanto di palco, luci e amplificazione.

Una pattuglia in servizio, percorrendo via Biagio Pecorino, si è accorta di alcuni operai che stavano allestendo il palco di quello che avrebbe dovuto essere uno degli eventi di più grande rilievo per tutto il quartiere di Librino. Tra i nomi degli artisti, infatti, anche uno tra i più amati a Catania e molto apprezzato dagli amanti del genere.

Era quasi tutto pronto ma i militari hanno interrotto sul nascere i festeggiamenti. A insospettirli, infatti, è stato proprio il giorno del “festival”, che avrebbe dovuto svolgersi il 26 agosto scorso,  un “normale” mercoledì, piuttosto che nel fine settimana. La ragione era chiara: giorno 26 era proprio il compleanno del boss relegato ai domiciliari in un palazzo poco distante.

Il titolare della ditta incaricata di allestire la struttura ha riferito di essere stato contattato per una festa privata ma non si è preoccupato di richiedere le dovute autorizzazioni e, per questa ragione, è stato denunciato per occupazione abusiva di suolo pubblico e costretto a rimuovere immediatamente il palco.

Commenti

commenti

Redazione NewSicilia



© RIPRODUZIONE RISERVATA