Protesta

Festa di Capodanno a Palermo, artisti locali: “Non c’è spazio per noi”

capodanno
29 dic 2015 - 08:30

PALERMO - Tira aria di protesta dalla parte degli artisti palermitani che, a meno di due giorni dalla festa di Capodanno, sono esclusi da qualsiasi tipo d’iniziativa.

La festa di Capodanno qui a Palermo - denunciano gli artisti locali - dà lavoro soprattutto ai catanesi. Le maestranze palermitane rimangono a bocca asciutta in una delle iniziative più attese dell’anno: i tecnici audio e video, le aziende che si occuperanno del palco e persino i facchini saranno tutti catanesi. È un’organizzazione “Made in Catania” che non ci lascia spazio”.

Le operazioni di allestimento lasciano dunque l‘amaro in bocca a tutti coloro che speravano di poter lavorare in occasione della festa in città, ma non solo: le polemiche derivano anche dalla presenza di un solo protagonista di marca palermitana, il comico Stefano Piazza, considerando che Tony Colombo non risiede più da anni a Palermo.

“Dobbiamo veder lavorare nella nostra città altre persone e per noi non c’è spazio - hanno proseguito i lavoratori -. Come si possono escludere le maestranze locali in questi eventi così importanti? Una festa come questa poteva essere senza dubbio una boccata d’ossigeno per le nostre attività”.

I partecipanti all’avviso pubblico per i festeggiamenti del Capodanno in piazza si sono dati appuntamento qualche giorno fa a palazzo Ziino (sede dell’assessorato comunale alla Cultura), al fine di proporre l’organizzazione congiunta della serata di Capodanno con il coinvolgimento di artisti e maestranze palermitane.

“Dopo attese ed insistenze, il funzionario del comune Sergio Forcieri non ha preso visione della proposta né ricevuto i presenti, lasciando tutto in mano all’agenzia catanese “Musica e Suoni” de La Ferlita nonostante le carte burocratiche, a detta di tutti i partecipanti al bando, non fossero perfettamente in regola” hanno concluso i lavoratori.

Per oggi, gli artisti hanno annunciato una conferenza stampa.

Commenti

commenti

Redazione NewSicilia



© RIPRODUZIONE RISERVATA

Articoli Correlati

Lascia un Commento