Licenziamenti

Che fine farà il giornalismo siciliano? Antenna Sicilia vicina alla chiusura

ANTENNA SICILIA LOGO
4 lug 2015 - 13:17

CATANIA - Che il giornalismo siciliano vivesse una forte crisi lo sapevamo già, sopratutto dopo lo scandalo che vede coinvolto l’imprenditore Mario Ciancio

Nell’occhio del ciclone attualmente troviamo le grandi emittenti televisive locali, che ci hanno accompagnato nel corso degli ultimi trent’anni, a breve diventeranno solo un ricordo.

L’emittente Telejonica ha già detto addio alla messa in onda, Telecolor a breve condividerà lo stesso destino e Antenna Sicilia?

Impossibile dimenticare lo staff di Telecolor imbavagliato davanti alle telecamere poco prima del licenziamento; mentre di qualche settimana addietro è il deposito dell’istanza di fallimento nei confronti della società. 

Per quanto riguarda la sorte di Antenna Sicilia, circola una notizia drammatica che non lascia margine di speranza: “niente più informazione visto che tra 75 giorni sarà azzerata la redazione giornalistica; e a quanto pare, neanche il programma «Insieme» potrebbe avere sorte migliore“. Dunque, ci si limiterà solo alle televendite o cos’altro? 

Il tutto sembra confermato dalla già avviata procedura di mobilità per ben sedici dipendenti dello staff, notizia che era già stata paventata da qualche mese. E, a quanto si vocifera, nemmeno al giornale “La Sicilia” (che è sempre di proprietà del gruppo Ciancio, n.d.r.) le cose andrebbero per il verso giusto. Tanto che, da tempo, sono stati applicati i contratti di solidarietà.

In un momento così difficile per l’informazione isolana ed in particolare di assoluta precarietà e sconforto per i lavoratori, non possiamo che essere vicini al disagio ed alle preoccupazioni dei colleghi di Antenna Sicilia.

 «Apprendiamo, purtroppo senza sorpresa, che il management di Antenna Sicilia ha comunicato ai dipendenti una procedura di mobilità per 16 di loro su 23. Si tratta dell’ultimo colpo mortale inferto al mondo dell’editoria e dell’informazione catanese. Una morte annunciata da molto tempo, specialmente dopo la chiusura della testata di Telejonica e i licenziamenti a Telecolor. Ma anche il segno di mancanza di vere politiche di sviluppo in Sicilia». È l’amaro commento di Rosaria Rotolo, segretaria generale della Cisl di Catania, e di Antonio D’Amico, segretario generale della Fistel etnea, dopo aver saputo della prossima procedura di mobilità nel gruppo Ciancio.

«È la fine di un impero – aggiungono – caduto così come altri, trascinando con sé posti di lavoro e famiglie. È un ulteriore impoverimento per il territorio etneo, che già sta scontando gli effetti di una lunga crisi che ha devastato altri settori fondamentali per l’economia localeC’è il rischio che si disperdano altre competenze del settore, che altri disoccupati si aggiungano al dramma di centinaia di posti di lavoro perduti in questi anni. Rischia di chiudere un’azienda, un gruppo storico arricchitosi negli anni che sembra non avere alcuna responsabilità sociale nei confronti di tante persone che vi hanno lavorato con dedizione e professionalità. Lavoratori, tecnici, professionisti ai quali adesso viene comunicato il ben servito e così messi alla porta!»

 

«Non possiamo che denunciare – concludono Rotolo e D’Amico – la miope capacità imprenditoriale che non ha saputo cogliere le sfide del cambiamento e non ha saputo né voluto innovarsi per traguardare la crisi. Ma dobbiamo anche denunciare come negli ultimi anni, in Sicilia, siano mancate vere politiche di sviluppo, in questo e in altri settori fondamentali per la ripresa dell’economia locale. E troppi, nella politica siciliana e locale, sono impegnati in altro mentre il lavoro produttivo crolla».

 

 

Commenti

commenti

Francesca Guglielmino



© RIPRODUZIONE RISERVATA

Articoli Correlati

Lascia un Commento