Irregolarità

Faceva l’intermediario assicurativo senza autorizzazioni: denunciato vittoriese

gdf-vittoria-1
29 nov 2016 - 10:31

VITTORIA – La guardia di finanza di Ragusa ha denunciato M.P., vittoriese che svolgeva abusivamente l’attività di mediazione assicurativa.

L’attività d’indagine, svolta dai finanzieri di Vittoria, è scaturita dall’approfondimento di una segnalazione di operazioni sospette con finalità di antiriciclaggio, dalle quali è emerso che il soggetto incassava mensilmente ingenti somme di denaro, senza svolgere apparentemente alcuna attività economica.

Grazie a ulteriori approfondimenti è stata eseguita una perquisizione presso lo studio dell’indagato, dove è stata sequestrata numerosa documentazione contabile. Così è stato scoperto un vero e proprio “schedario occulto”, ben nascosto in un vicino locale, dove vi era custodita documentazione riguardante le compagnie di assicurazione per cui M.P. operava di fatto.

Inoltre, sui computers in uso all’assicuratore abusivo, è stato trovato un file di contabilità parallela dalla quale i finanzieri sono riusciti sia a ricostruire tutte le movimentazioni, i relativi clienti ed il numero delle polizze assicurative stipulate che a determinare perfettamente l’introito ottenuto e non dichiarato fiscalmente, contraddistinto da una colonna specifica e intenzionalmente colorata in nero, per ricavi non dichiarati ammontanti complessivamente a circa 500 mila euro.

Inutile il maldestro tentativo dell’indagato, in fase di perquisizione, di staccare la corrente per impedire ai militari di trovare questo prezioso file, poi estrapolato con l’ausilio di tecnici informatici.

gdf-vittoria-2 

Gli interventi ispettivi hanno permesso quindi di ricostruire il modus operandi criminale. L’uomo si occupava della stipula di contratti di assicurazione facendo da tramite tra le compagnie di assicurazione online ed i clienti. Una volta tenuto conto che queste compagnie assicuratrici dovrebbero avere rapporti diretti con i propri clienti, l’indagato si sarebbe posto illegalmente come intermediario in questi rapporti, in quanto, almeno per il periodo relativo alla documentazione, non aveva ottenuto alcun mandato dalle predette assicurazioni online e, soprattutto, non risultava iscritto nel registro R.U.I. (Registro Unico Intermediari assicurativi), nelle riguardanti sezioni.

Così è stato denunciato per violazione del codice delle assicurazioni private, ed è stato soggetto a specifica verifica fiscale, la quale ha permesso di far emergere la sua posizione di evasore para-totale. Sono stati danneggiati dalla condotta criminale sono gli assicuratori regolarmente iscritti al previsto registro e più di 5.000 cittadini che si sono affidati in questi anni inconsapevolmente ad un soggetto privo dei previsti requisiti di onorabilità e professionalità, pagando per di più tariffe superiori di quelle normalmente applicate dalle compagnie assicurative online.

Redazione NewSicilia



© RIPRODUZIONE RISERVATA