Dibattito

Europa, Mediterraneo, Medio Oriente: le nuove sfide viste da Sud

gruppo
5 dic 2015 - 18:51

CATANIA – Si è parlato di Sicilia, di accoglienza, di cultura e del corretto concetto di integrazione; si è parlato del ruolo della Sicilia nel Mediterraneo e si è cercato  di contestualizzare il delicato momento storico che viviamo; si è parlato di passato, di presente ma soprattutto di futuro: ecco in estrema sintesi l’incontro che si è tenuto oggi nello Spazio SAL di Catania.

Europa, Mediterraneo, Medio Oriente: le nuove sfide viste da Sud, è stato il titolo dell’incontro fortemente voluto dall’on. Giuseppe Berretta parlamentare nazionale del Partito Democratico, che ha organizzato questo momento di confronto. L’€™iniziativa catanese è stata voluta dal deputato etneo dei Democratici proprio nella prima della due giorni di mobilitazione nazionale “€œItalia, coraggio!”, con cui il PD nazionale sta organizzando iniziative e banchetti in mille piazze d’Italia per avviare un confronto aperto con i cittadini, per dire no alla paura e al terrore.

Un dibattito sentito che ha visto la partecipazione di numerosissime persone di tutte le età che hanno avvertito la necessità di incontrarsi per discutere e per confrontarsi. Si sono affrontati, senza ipocrisie e apertamente la questione del confronto tra Europa e Medioriente, i temi dell’€™integrazione e del dialogo, non potendo non partire dagli ultimi gravissimi atti di terrorismo vissuti dalla Francia a gennaio e il 13 novembre scorso.

All’iniziativa hanno preso parte, oltre al deputato etneo Berretta, l’Imam della moschea di Catania e presidente della Comunità islamica di Sicilia, Abdelhafid Kheit, Pinella Di Gregorio, docente di Storia Contemporanea presso il Dipartimento di Scienze Politiche e Sociali dell’Università di Catania, il consigliere comunale del Pd Niccolò Notarbartolo ed Emiliano Abramo della Comunità di Sant’Egidio. Presenti tra il pubblico diversi amministratori locali, consiglieri comunali e il sindaco del comune di Sant’Agata Li Battiati Carmelo Galati.

La Sicilia ha dimostrato di avere un ruolo centrale nell’accoglienza dei migranti, di grande responsabilità - afferma Giuseppe Berretta -. Ora la nostra Isola può e deve esercitare queste capacità in maniera compiuta, diventando protagonista dell’€™incontro tra culture e religioni, tra Europa e Medio Oriente, e dimostrando quindi di saper sfruttare le opportunità culturali ed economiche che possono derivare da questo ruolo“.

Gli attentati di Parigi, l’aereo esploso nel Sinai, la bomba a Bayrampasa – Istanbul, l’attacco in Mali hanno prodotto un radicale cambiamento nella percezione del mondo da parte di tutti e mostrano quanto sia complesso e tragico il fenomeno dell’Isis ma anche quanto sia spaventosa e fuorviante la generalizzazione del conflitto tra Occidente e Oriente” dice Niccolò Notarbarlo, consigliere comunale a Palazzo degli Elefanti.

Si è parlato di terrorismo, religioni, rapporto con chi migra, necessità di dialogo e dei fenomeni sociali che stanno dietro gli ultimi attentati terroristici. “€œLo scorso anno migliaia di persone, soprattutto giovani, sono tornate in Iraq e di queste 1200 provenivano dalla Francia, quasi 3000 dal Caucaso, e moltissimi si erano appena convertiti all’€™Islam - ha detto Emiliano Abramochiaro quindi che dietro Isis, dietro gli attentati non c’è una matrice di estremismo religioso. Piuttosto, questi ragazzi indossano i panni dei musulmani estremisti soltanto per uscire dall’€™emarginazione in cui sono relegati“€.

Un problema dunque storico ma anche sociale, come ha sottolineato anche Notarbartolo: “€œViviamo in un mondo interconnesso, ma ci siamo dimenticati di unire i centri con le periferie, relegate ai margini -  ha detto il consigliere Pd -. Gli attentatori di Parigi erano ragazzi cresciuti fianco a fianco con le loro vittime, ne hanno condiviso gli spazi e il tempo eppure appartenevano a mondi distanti tra loro, che culturalmente non si sono mai incontrati“€.

notarbartolo

Ma allora che ruolo può avere l’€™Italia, e la Sicilia, in questo contesto? “€œIl Mediterraneo è profondo, da un punto di vista storico ma anche per ciò che ha sempre rappresentato per l’€™Oriente e l’€™Occidente” ha detto l’€™Imam della moschea della Misericordia di piazza Cutelli a Catania.Il Mediterraneo unisce o divide ma tradizioni, religioni e culture diverse possono arricchirsi in maniera reciproca“€.

Oggi abbiamo voluto dare vita a questo momento di dialogo per comprendere, informare e discutere con i cittadini -€“ ha concluso Berretta -. È€™ necessario oggi sempre di più abbattere i muri culturali e comprendere le istanze reciproche. Noi siciliani, noi catanesi, abbiamo dimostrato di saperlo fare e di saper farci carico delle difficoltà altrui. Vogliamo incoraggiare questi atteggiamenti di apertura e dialogo, tanto nel mondo cattolico quanto nel mondo islamico, perché questi diventino le posizioni maggioritarie contro ogni estremismo“€.

Viviana Mannoia



© RIPRODUZIONE RISERVATA

Articoli Correlati