Religione

Esorcismo in prima serata: “Le Iene” ci portano a Biancavilla

Immagine
18 mag 2017 - 11:18

CATANIA - Oggi parliamo di possessione ed esorcismi. Fenomeni che lasciano perplessi o che infondono in alcuni di noi vero e proprio terrore. Ma la “possessione” è un fenomeno davvero possibile?  Grazie ad un servizio de “Le Iene” siamo in grado di assistere ad un esorcismo..

Etimologicamente, “esorcismo” deriva dal latino “exorcismus”  - un imperativo che si da al demonio e che vuol dire “esci” – applicabile sia a una persona posseduta che a luoghi infestati. C’è poi l’esorcismo invocativo, cioè quando ci si rivolge a Dio affinché quella persona venga liberata. Ma come si rivela al mondo reale il demonio? Secondo Don Carmelo Tomasello, parroco esorcista della chiesa Cristo Re di Biancavilla, esistono varie entità, vari spiriti. A volte si riesce a fargli dire il nome e già da questo traspare un segno di debolezza da parte di quello spirito. In realtà – continua – molto spesso si tratta di semplici malattie psichiche per cui non c’è bisogno di scomodare alcuna entità superiore. 

Nel servizio di Luigi Pelazza, dedicato a “religione, scienza e possessioni demoniache”, si nota l’interno della chiesa biancavillese, sovraffollata, con il parroco che impartisce la benedizione e alcuni in prima fila che mostrerebbero i segni della possessione. La chiesa di Biancavilla – come è noto in tutta la Sicilia – è diventata la meta per eccellenza di persone che credono in queste presunte manifestazioni sovrannaturali, che chiedono di essere sottoposte ad esorcismo e che desiderano un aiuto.

Il servizio integrale de Le Iene è visionabile sul sito a questo link.

Commenti

commenti

Redazione NewSicilia



© RIPRODUZIONE RISERVATA