Corruzione

Dopo il fratello entra nell’inchiesta anche il padre di Alfano

alfano
8 lug 2016 - 19:08

PALERMO – C’è il nome del ministro degli interni, Angelino Alfano, nelle intercettazioni allegate all’inchiesta portata avanti dalla Procura di Roma su corruzione e riciclaggio. Il ministro viene diverse volte citato per l‘assunzione del fratello Alessandro a Postecom, una società legata a Poste italiane.

Al centro dell’inchiesta che ha portato ieri all’arresto di ben 24 persone, c’è Raffaele Pizza, fratello dell’ex sottosegretario Giuseppe Pizza, colui che pilotava appalti pubblici e condizionava le nomine presso società private avvalendosi di potenti conoscenze.

Proprio in una intercettazione del 9 Gennaio 2015 Pizza, al telefono con Davide Tedesco (fedelissimo del ministro Alfano), rivendica di aver fatto assumere Alessandro Alfano alle Poste per uno stipendio annuo di ben 160 mila euro.

Un sistema di tangenti enorme, un sistema di favoritismi e assunzioni pilotate che vede come protagonisti l’Inps, l’Agenzia delle Entrate, i ministeri e numerosi collaboratori e familiari delle persone coinvolte in primo piano.

Tanto che alle orecchie attente delle fiamme gialle del Nucleo Speciale di Polizia Valutaria di Roma non è sfuggita nemmeno un’altra conversazione, quella tra due donne entrambe indagate, Marzia Capaccio, segretaria di Raffaele Pizza ed Elisabetta C, le quali sembrano lamentarsi di qualcosa tirando in ballo il nome del padre del ministro Angelino Alfano. Dal discorso emerge che l’uomo avrebbe mandato 80 curriculum di gente da sistemare alle Poste.

“Siamo di fronte al ri-uso politico degli scarti di un’inchiesta giudiziaria – ha detto il ministro attraverso un comunicato stampa diffuso nella giornata di ieri -. Ciò che i magistrati hanno studiato, ritenendolo non idoneo a coinvolgermi in alcun modo, viene usato per fini esclusivamente politici. Le intercettazioni non riguardano me, bensì terze e quarte persone che parlano di me. Persone, peraltro, che non vedo e non sento da anni”.

Carlo Marino



© RIPRODUZIONE RISERVATA