Inchiesta

Dodici indagati per l’ammodernamento della statale Agrigento-Caltanissetta

Autostrada.
27 nov 2015 - 19:31

CALTANISSETTA - Indagate 12 persone per “concorso in frode in pubbliche forniture“, per i lavori di ammodernamento, e di raddoppio del manto stradale, della statale 640 Agrigento-Caltanissetta. Per le opere è stato infatti usato calcestruzzo depotenziato, gli altri materiali inoltre presentavano diverse irregolarità.

Stamattina si è passati ai fatti: il Reparto Operativo Nucleo Investigativo del Comando Provinciale Carabinieri di Caltanissetta ha sequestrato il tratto stradale, eseguendo ciò che il gip aveva decretato, dopo che il Nucleo Investigativo, grazie ad intercettazioni e pedinamenti aveva, di fatto, smascherato il tutto.

Tra i vari dirigenti di società, professionisti, tecnici ed imprenditori denunciati “spicca” anche Concetto Bosco Lo Giudice, arrestato lo scorso ottobre per l’inchiesta sugli appalti Anas in Sicilia. I dodici indagati sono accusati, a vario titolo, oltre all’aver usato calcestruzzo non conforme alle previsioni contrattuali, di aver occultato alla direzione dei Lavori le difficoltà tecniche e l’irregolarità dei materiali, utilizzato gabbie in acciaio per la realizzazione di pali ed altre strutture di misure e caratteristiche tecniche non conformi al contratto, di non aver segnalato alla direzione dei lavori le irregolarità riscontrate, impedendo così l’apertura della procedura contrattuale di non conformità e quindi la successiva risoluzione delle irregolarità esecutive.

La situazione però non è nata dall’oggi al domani, infatti sono passati circa due anni dall’inizio delle indagini, sostenute dalla collaborazione della direzione dei lavori (non coinvolta nelle indagini, eccezion fatta per un componente). 

La vicenda fortunatamente non avrà ripercussioni sulla viabilità: le aree sequestrate sono infatti cantieri, quindi in ogni caso precluse al traffico. 

Redazione NewSicilia



© RIPRODUZIONE RISERVATA

Articoli Correlati