Protesta

Disservizi nella Sanità, macchinari guasti dopo mesi in lista d’attesa: lettera dei pazienti

ospedale.JPG
13 giu 2017 - 10:26

SIRACUSA - I tagli ai fondi destinati alla Sanità continuano a creare disservizi e i cittadini non riescono più a sopportare una situazione del genere. 

Nei giorni scorsi, Siracusa è stata protagonista di alcune lamentele. I cittadini, rappresentati dai gruppi “Movimento Volta Pagina” e “Alternativa Libera Siracusa”, infatti, dopo vari episodi hanno inviato una lettera all’Asp 8 di Siracusa per dire la loro e per capire cosa sta accadendo alla sanità siracusana.

Gentilissimi vertici dell’ASP 8 di Siracusa. Noi in quanto cittadini in primo luogo e in quanto referenti politici di 2 gruppi vogliamo chiedere informazioni su cosa sta succedendo a Siracusa. Nell’ultimo mese abbiamo avuto diverse segnalazioni da parte di cittadini. Una di queste persone dopo aver prenotato, dopo aver atteso diverso tempo, il giorno stabilito si è recato presso l’Ospedale Umberto I ed è stato respinto dato che i macchinari pare fossero guasti. È stato proposto lui di recarsi fuori Siracusa per fare la stessa visita. Altro cittadino è andato al reparto Medicina Nucleare per prenotare la visita, ma gli è stato detto che l’apparecchiatura non funziona da diversi mesi, pare che gli abbian detto che non si può riparare e che non hanno ricevuto nessuna comunicazione dall’ Azienda. Il paziente ha prenotato comunque ed ha presentato reclamo. Spesso questi cittadini si trovano impossibilitati per cui hanno preferito riprogrammare le visite e attendere ulteriore tempo nella speranza che quando sarà il momento i macchinari siano funzionanti. 

Ecco alcune foto per capire meglio la situazione in cui versa Siracusa.

Disservizi nella Sanità: la lettera dei siracusani all'ASP 8 Chiediamo che i cittadini vengano informati per tempo quando ci sono problemi con i macchinari. Non è bello recarsi presso l’Ospedale e vedersi respinti con motivazioni che i pazienti spesso non capiscono e vedono solo come un disservizio, basterebbe una telefonata e qualcuno che si occupi di avvisare quando il macchinario è operativo. Siamo a conoscenza dei tagli alla sanità, tagli Stato/Regioni tuttavia un medico dovrebbe avere a cuore in primo luogo la salute dei propri pazienti e dovrebbe fare di tutto affinché essi siano messi nelle condizioni migliori. Siamo disponibili ad un incontro per studiare delle soluzioni, si potrebbe realizzare un servizio volontario ad esempio che si occupi di mettere in contatto i cittadini con le Unità dell’Asp 8 di Siracusa“.

Disservizi nella Sanità: la lettera dei siracusani all'ASP 8

Commenti

commenti

Redazione NewSicilia



© RIPRODUZIONE RISERVATA