Rabbia

“Ho denunciato i miei strozzini. Adesso rischio di perdere la casa”. LA STORIA

racket
22 giu 2016 - 12:14

PALERMO - Prima vessato da una banda di usurai poi stretto dalla banca che gli sta vendendo all’asta l’unica casa dove vive con la sua famiglia, cita in giudizio il Monte dei Paschi – Italfondiario, supportato dall’associazione antiracket e antiusura ‘Sos Impresa’.

Protagonista della storia Ignazio La Barbera, imprenditore palermitano commerciante di gioielli, che ha denunciato una banda di usurai e che oggi ha intrapreso una nuova battaglia decidendo di denunciare la banca che lo ha ridotto sul lastrico.

“Il mio calvario - dice - non è terminato. Dopo avere denunciato i miei usurai ed estorsori, lo Stato mi ha riconosciuto lo status di vittima ma oggi rischio di perdere l’unico bene che mi è rimasto, la casa dove vivo con la mia famiglia e che è stata messa all’asta dalla banca Italfondiario per una somma irrisoria rispetto al valore dell’immobile”.

“La casa, valutata dalla stessa banca un miliardo e mezzo, – continua - fu ipotecata per un prestito di cinquecento milioni delle vecchie lire concesso dalla banca per pagare gli usurai, trecento milioni dei quali già restituiti. Nonostante la consistenza del mio patrimonio e la garanzia dell’ipoteca privilegiata, mutuo fondiario che impedisce ad altri eventuali creditori di rivalersi sull’immobile, la banca mi ha dichiarato fallito. È superfluo spiegare che tale ‘colpo di grazia’ ha determinato la chiusura della mia attività e la conseguente impossibilità di saldare il mio debito”.

“Ciò nonostante, nel corso degli anni - prosegue - ho fatto numerosi versamenti alla banca per un totale di circa centoquarantamila euro, ma il meccanismo perverso della banca ha fatto sì che il mio debito originario aumentasse sino a diventare sproporzionatamente irraggiungibile. Ebbene da un’analisi fatta oggi da un perito di parte, consulente del tribunale, in base agli estratti conto della banca risultano applicati interessi usurai per diverse centinaia di migliaia di euro, interessi che non mi hanno consentito di poter saldare il debito”.

Secondo il perito di parte, dai conteggi fatti, La Barbera è creditore nei confronti della banca di circa duecentosessantamila euro e per questi motivi lo stesso ha deciso di denunciare la banca per usura e anatocismo.

Redazione NewSicilia



© RIPRODUZIONE RISERVATA