Operazione

Dalla Calabria alla Sicilia: la droga venduta in due storici rioni catanesi. Nove arresti

Operazione Family polizia
17 mar 2016 - 07:27

CATANIA - I loro rapporti con le “ndrine” erano strettissimi. La famiglia Cambria, il padre Andrea e i due figli Mario Carmelo e Sebastiano, a Gioia Tauro e a Napoli era conosciuta… da chi di dovere. Da chi, cioè, doveva procurargli la droga da portare in Sicilia.

Il loro commercio puntava sulla marijuana e sulla cocaina. E il più grosso giro di clienti lo avevano a Catania, fra San Cristoforo e Zia Lisa

A proteggerli c’erano gli uomini del clan Cappello-Bonaccorsi. Sotto il controllo di Santo Strano, conosciuto come “Facci i Palemmu”, la famiglia Cambria e i collaboratori Mario Gerbino, Mario Strano e Alessandro Di Benedetto, potevano stare tranquilli: nessuno gli avrebbe rubato il posto o avrebbe potuto fargli ostruzionismo. Le due piazze erano a loro disposizione.

Così guadagnavano fior di quattrini. Quasi 500 mila euro sono stati sequestrati dalla squadra mobile di Catania, coordinata dal dirigente Antonio Salvago

E si perché proprio oggi all’alba, il blitz disposto dalla procura distrettuale di Catania con a capo il procuratore Michelangelo Patané ha portato all’arresto di 9 persone che ora dovranno rispondere di associazione per delinquere finalizzata al traffico e spaccio di sostanze stupefacenti, con l’aggravante di essere associazione armata.

A gestire le piazze c’era anche Orazio Conte, cognato di Andrea Cambria che teneva il conto degli incassi, pensando mensilmente al pagamento degli stipendi dei detenuti.

Insomma i soldi giravano in famiglia… 

Giorgia Mosca



© RIPRODUZIONE RISERVATA