Arresti

Dal rum al wisky. Ladri con panciera, così rubavano nei supermercati

pancera
15 mar 2016 - 09:59

RAGUSA - La polizia di Ragusa ha sgominato una banda rumena dedita a furti all’interno del centro commerciale Ibleo.

I quattro uomini, con età che va dai 23 ai 38 anni, al fine di razziare quanta più merce possibile, prelevandola dagli scaffali dei supermercati, avevano escogitato uno stratagemma particolare che consisteva nell’indossare una particolare panciera da donna in tessuto tecnico, appositamente modificata con l’aggiunta di numerosi scomparti utili ad occultare la refurtiva sotto gli indumenti e tale da permettergli di guadagnare l’uscita indisturbati dagli esercizi commerciali colpiti.

Nell’ultimo colpo l’atteggiamento guardingo di due di essi ha attirato l’attenzione della guardia giurata in servizio presso l’esercizio commerciale che, dalla visione dei monitor della videosorveglianza interna ha notato il più giovane occultare qualcosa sotto il giubbino. Da quel momento l’individuo è stato seguito fino alle casse, da dove ha tentato di uscire senza pagare la merce prelevata.

L’addetto alla sorveglianza ha quindi bloccato il giovane, mentre l’altro si dileguava. L’uomo, ormai scoperto, non ha potuto fare altro che mostrare il suo particolare indumento intimo nel quale erano occultate 4 bottiglie di pregiato rum del valore di oltre duecento euro. Sul posto sono immediatamente arrivate due Volanti della Polizia che hanno avviato le primissime indagini finalizzate alla individuazione di altri complici.

Ulteriori controlli all’interno del supermercato hanno portato al fermo di un altro rumeno, munito della stessa panciera tattica e che era stato visto agire insieme al primo. All’interno dell’attiguo parcheggio i poliziotti hanno individuato l’auto con la quale la banda aveva raggiunto il centro commerciale. Al suo interno sono stati fermati altri due rumeni che aspettavano i complici per guadagnare la fuga.

Dalla perquisizione del veicolo, all’interno di uno zaino, sono state rinvenute altre 8 bottiglie di wisky, delle marche più pregiate, del valore di oltre quattrocento euro, tutte sottratte precedentemente con la stessa tecnica dallo stesso supermercato. Per i quattro l’accusa è di furto in concorso.

Redazione NewSicilia



© RIPRODUZIONE RISERVATA