Presentazione

Cooperativa Valle del Dittaino: due progetti per la solidarietà

Dittaino
16 mag 2016 - 20:09

CATANIA - Saranno due i progetti di solidarietà che la cooperativa agricola Valle del Dittaino presenterà domani, martedì 17 maggio, alle ore 10, nella sede della Locanda del Samaritano, in via Montevergine 3. Un modo unico ed encomiabile per festeggiare i 40 anni di attività.

Un progetto riguarda la Locanda del Samaritano, una struttura di accoglienza che ospita a Catania circa 80 homeless tra uomini, donne e bambini, l’altro è invece un contributo alla costruzione della casa di Toti, il primo albergo etico in Sicilia, che sorgerà a Modica, in provincia di Ragusa, per ospitare e dare lavoro a persone con disabilità.

È proprio sulla solidarietà che si regge il successo dell’azienda Valle del Dittaino, nata il 22 maggio del 1976 per volontà di 23 agricoltori dell’Ennese, ora divenuti 45, che in quarant’anni di attività ha portato nelle tavole di tutto il mondo l’alimento base dei contadini siciliani: il pane di grano duro, coltivato nell’entroterra dell’isola, con l’aggiunta di criscenti, il lievito madre a pasta acida.

“La Locanda del Samaritano”, che deve la sua forza economica unicamente alla generosità dei cittadini, è nata nel 2010 e da allora accoglie e ospita una piccola comunità di sacerdoti, volontari e poveri senza dimora, italiani, stranieri, bambini e dona loro la possibilità di integrarsi nella società e inserirsi nel mondo del lavoro. 

Tra i tanti spicca il progetto autofinanziato TeleStrada Press, il giornale dei senza dimora, che si pone l’obiettivo di garantire una possibilità di reinserimento a persone uscite dal mercato del lavoro e a reddito zero.

“La casa di Toti”, comunità per disabili, è il secondo progetto che la cooperativa Valle del Dittaino ha deciso di sostenere.

Maria “Muni” Sigona e Michele Lanza, genitori di Toti, hanno messo a disposizione una masseria settecentesca immersa tra le campagne iblee per donare spazi di serenità a tante persone affette da disabilità psichiatrica, in modo che possano trascorrere la loro vita in un luogo familiare e accogliente, ma allo stesso tempo protetto e attrezzato, con personale qualificato.

E così Muni Sigona e il marito hanno gettato le basi per realizzare il primo albergo etico in Sicilia.

Ad illustrare il programma saranno Nino Grippaldi, presidente di Valle del Dittaino, padre Mario Sirica, responsabile della Locanda del Samaritano e Muni Sigona, presidente della Casa di Toti Onlus.

Domenica 22 maggio, invece, l’appuntamento sarà allo storico stabilimento di Dittaino Scalo, Assoro, in provincia Enna a partire dalle 10.30, per i festeggiamenti.

Daniela Torrisi



© RIPRODUZIONE RISERVATA