Criminalità

Spaccio, ricettazione, lavoro nero, furto e rapina. Le operazioni dei carabinieri di Catania

carabinieri
19 mar 2015 - 17:39

CATANIA - Continua senza sosta il lavoro di controllo del territorio del Comando provinciale dei carabinieri di Catania.

UTILIZZAVA UNA SECONDA ABITAZIONE COME CENTRALE DI SPACCIO: IN MANETTE SORVEGLIATO SPECIALE

La notte scorsa i “Lupi” del Nucleo Investigativo dei carabinieri di Catania hanno individuato in una abitazione di viale San Teodoro a Librino un minimarket della droga.

All’interno dell’abitazione i militari hanno rinvenuto e sequestrato 40 dosi di marijuana, circa 10 dosi di “Orange Skunk” e 180 euro in contanti.

droga e contanti sequestrati

A finire in manette è stato il 31enne Alfio Spampinato, sorvegliato speciale con obbligo di soggiorno. Dovrà rispondere di detenzione illecita di sostanze stupefacenti e violazione degli obblighi inerenti la sorveglianza speciale.

Alfio Spampinato, 31 anni

Alfio Spampinato, 31 anni

CONTROLLO STRAORDINARIO DEL TERRITORIO: 4 ARRESTATI E 7 DENUNCIATI

Ieri pomeriggio, nel corso di un controllo straordinario del territorio, i carabinieri della Compagnia di Fontanarossa insieme ai militari del battaglione “Puglia”, hanno arrestato 4 persone, tutte di Catania, per combustione di materiale tossico e ricettazione.

I quattro sono stati sorpresi al villaggio Zia Lisa II mentre bruciavano cavi di rame e materiale ferroso, di presunta provenienza illecita, per un peso complessivo di circa 500 chili. Gli arrestati, in attesa di giudizio per direttissima, si trovano ai domiciliari.

Altre 7 persone sono state denunciate per furto aggravato. I militari, inoltre, con la preziosa collaborazione dei tecnici dell’Enel, hanno accertato in 4 esercizi commerciali (un panificio, un’agenzia di assicurazioni, un girarrosto e un parrucchiere) e 3 abitazioni il collegamento abusivo dei contatori alla rete di illuminazione pubblica.

RAPINA AGGRAVATA: ARRESTATO 32ENNE CATANESE

I carabinieri della Compagnia di Gravina di Catania hanno arrestato il 32enne catanese Benito Tomaselli.

L’uomo, già sottoposto a sorveglianza speciale è ritenuto l’autore di due rapine ai danni dell’agenzia del “Monte dei Paschi di Siena” di Catania nei giorni 15 e 24 dicembre 2014. L’arrestato si trova momentaneamente ricoverato all’ospedale Civico di Palermo, piantonato dagli agenti della polizia Penitenziaria.

DETENZIONE ABUSIVA DI ARMI: FINISCE IN MANETTE 56ENNE DI ACIREALE

I carabinieri della Stazione di Guardia Mangano hanno arrestato il 56enne Marcello Lo Castro, di Acireale.

Marcello Lo Castro, 56 anni

Marcello Lo Castro, 56 anni

 L’uomo, rinchiuso nel carcere di piazza Lanza, deve scontare ancora 9 mesi di reclusione poiché condannato per detenzione e porto abusivo di armi, reato commesso ad Aci Catena nel 1992.

TENTA DI ADESCARE UN MINORE SU FACEBOOK

Un 32enne di Belpasso, approfittando della buona fede di un 15enne, si è presentato come assiduo frequentatore della parrocchia cercando il pretesto per “avvicinarsi” al ragazzo con cattive intenzioni.

A tradirlo sono stati i messaggi, inequivocabilmente orientati ad adescare il ragazzino, che l’uomo avrebbe inviato al 15enne su Facebook.

Fortunatamente, prima la madre e poi i carabinieri, ai quali è stato denunciato il fatto, sono intervenuti evitando che la situazione degenerasse.

Il 32enne è stato denunciato all’Autorità giudiziaria mentre sono in corso ulteriori indagini per verificare se il soggetto si fosse già reso protagonista di episodi simili ai danni di altri minori.

LADRO BECCATO DENTRO SCUOLA ELEMENTARE

Aveva pensato bene di scardinare un porta d’accesso della scuola elementare San Francesco, di Via Ametista a Paternò, e di rubare tutto ciò che potesse fruttargli un profitto.

scuola paternò

 Sfortunatamente per questo pregiudicato di 31 anni, ad attenderlo fuori dai locali della scuola, c’erano due militari che lo hanno immediatamente bloccato, identificato e denunciato all’Autorità giudiziaria per furto aggravato. La refurtiva, di soli 10 euro in contanti, è stata restituita alla responsabile dell’istituto.

RUBANO ORO IN CASA DI UN PENSIONATO: ARRESTATI 2 CATANESI IN TRASFERTA

Sono stati beccati in flagrante mentre erano intenti a trafugare oro e preziosi in casa di un pensionato.

Il 52enne Massimo Sturniolo e il 42enne Giuseppe La Rosa, entrambi pregiudicati catanesi, avevano pensato di fare una “gita” nella vicina Santa Maria di Licodia e di riempirsi le tasche ma hanno rimediato 2 manette ai polsi.

Da sx a dx Giuseppe La Rosa, 42 anni e Massimo Sturniolo 52 anni

Da sx a dx Giuseppe La Rosa, 42 anni e Massimo Sturniolo 52 anni

A dare l’allarme è stato un vicino di casa che aveva notato i malviventi fare irruzione nell’appartamento. Tempestivo l’intervento dei carabinieri che hanno recuperato la refurtiva, restituita al legittimo proprietario e arrestato i due ladri.

LAVORO NERO: SOSPESE 2 ATTIVITÀ

I carabinieri del Nucleo Ispettorato del Lavoro, insieme ai militari di Paternò e Mineo, hanno effettuato una serie di controlli per contrastare violazioni in materia di lavoro.

2 attività sono state sospese: una ditta di manufatti in cartongesso e pitturazione di Paternò che utilizzava 2 lavoratori su 3 in nero e una ditta operante nel settore agrumicolo, con sede a Mineo, per l’impiego di altri lavoratori in nero.

Nel complesso sono state controllare una ventina di ditte operanti in vari settori ed elevate sanzioni amministrative per circa 30.000 euro.

Commenti

commenti

Marco Bua



© RIPRODUZIONE RISERVATA

Lascia un Commento