Polizia

Controlli a tappeto tra Catania e Motta S.Anastasia

donzi
10 gen 2017 - 17:08

CATANIA - Nella giornata di ieri il personale dipendente del commissariato Borgo-Ognina, in collaborazione con il personale del reparto Annona dei vigili urbani, A.S.P. Veterinari e Igiene Pubblica, ha effettuato controlli nei quartieri catanesi di Barriera e Picanello e nel comune di Motta S.Anastasia a tutela dell’ambiente e della salute pubblica. 

A Motta S.Anastasia, precisamente nel bar pasticceria “Donzì” di Corso Sicilia, al titolare sono state comminate sanzioni amministrative per un totale di 3.500 euro per la mancanza di tracciabilità di alcuni alimenti e per la carenza di condizioni igienico-sanitarie. Nel pozzetto congelatore sono stati ritrovati circa 2 kg di arancini surgelati non indicati come tali nel menù e così è stato indagato in stato di libertà per frode in commercio. Oltre a tutto questo è stata anche accertata la mancata revisione di due estintori.

A Barriera, in piazza Condorelli Fragalà, si è proceduto al controllo del “Chiosco- Bar di Consuelo Azzarelli” e il titolare è stato sanzionato per avere realizzato abusivamente un soppalco. Un’altra irregolarità è stata riscontrata in quanto, al momento del controllo, era presente come rappresentante una persona non autorizzata nella S.C.I.A.. Così sono state irrogate sanzioni per 1.032 euro.

Infine, in via Malta è stata controllata l’autofficina di Grasso Francesco nella quale è stata accertata la mancanza di tutte le autorizzazioni per esercitare l’attività commerciale e così è stato effettuato il sequestro preventivo dell’esercizio e la sanzione di 5.164 euro per mancanza di S.C.I.A. Oltre a ciò è stata contestata l’occupazione abusiva del suolo pubblico. Infine in giornata i poliziotti hanno controllato 46 persone, hanno elevato numerosi verbali al codice della strada ed effettuato controlli su 5 attività commerciali, operato un posto di blocco. Nell’esecuzione di un ordine della procura della Repubblica del tribunale dei Minorenni di Catania, è stato arrestato e portato in carcere Nicola Sparti, 20 anni, già sottoposto agli arresti domiciliari per reati commessi quando era in minore età.

Commenti

commenti

Redazione NewSicilia



© RIPRODUZIONE RISERVATA

Lascia un Commento