Carabinieri

Controlli da Isola delle Femmine a Terrasini. Un arresto per scippo

S
24 ago 2015 - 17:39

CARINI - Nella notte di sabato i carabinieri della Compagnia di Carini hanno svolto un servizio coordinato di controllo del territorio nei territori della fascia costiera, da Isola delle Femmine a Terrasini. Decine i soggetti e i veicoli controllati, numerosi gli esercizi commerciali della movida sottoposti a verifiche amministrative: 86 persone, 54 veicoli, 3 bar a Isola delle Femmine e 4 a Terrasini. Non sono state rilevate sanzioni poiché in regola.

Nell’ambito del servizio sono state poi deferite in stato di libertà due persone: un uomo è stato denunciato a Terrasini per guida in stato di ebbrezza alcolica, in quanto si era messo alla guida con un tasso alcolemico nel sangue pari a 1,01 g/l ; un altro è stato invece denunciato a Carini per ricettazione, essendo stato fermato alla guida di una Vespa Piaggio 150 rubata, sempre a Carini, due settimane fa.

A Terrasini l’episodio più rocambolesco: i carabinieri hanno infatti arrestato Salvatore Napolitano, 20 anni, per furto con strappo al termine di un inseguimento a piedi per le affollatissime vie del centro cittadino.

NAPOLITANO SALVATORE

 

Era da poco passata la mezzanotte quando i militari dell’Arma, di pattuglia nel territorio del comune marinaro, si sono visti sfrecciare davanti il giovane, lanciato in una corsa a perdifiato lungo la via Don Salvatore Amato, stringendo a sé una borsa da donna. Alcune decine di metri più indietro, una donna, disperata, gridava aiuto, chiedendo inutilmente al ragazzo di fermarsi. Avendo intuito quanto appena accaduto, i carabinieri hanno provato a seguire il giovane, ma il gran numero di persone che affollavano le vie del centro rendeva impossibile procedere in auto. Pertanto, i carabinieri sono scesi dalla macchina e si sono lanciati all’inseguimento di Napolitano, che si stava dirigendo a rotta di collo verso la costa. Dopo alcune centinaia di metri il giovane scippatore, sentendosi ripetutamente intimare l’Alt e vedendo che i carabinieri non desistevano, ha lanciato via la borsa, sperando così di distogliere la loro attenzione. Il tentativo è stato però inutile: infatti nel frattempo era sopraggiunta una seconda pattuglia, che si è fermata a recuperare la refurtiva, mentre è continuato l’inseguimento del fuggitivo. Alla fine, dopo circa 500 metri di corsa, Napolitano è stato raggiunto dai carabinieri, che lo hanno bloccato, dichiarandolo in arresto per furto con strappo. L’arrestato è stato quindi condotto nella stazione Carabinieri di Terrasini, dove sono state espletate le formalità di rito, e infine agli arresti domiciliari nella propria abitazione, in attesa del giudizio direttissimo, conclusosi con la convalida e 1 anno e 4 mesi di reclusione, pena sospesa. Pertanto il ragazzo è stato rimesso in libertà. La borsa e il suo contenuto, denaro contante, una scheda bancomat, un telefono cellulare e le chiavi dell’auto, sono stati restituiti alla legittima proprietaria.

Commenti

commenti

Redazione NewSicilia



© RIPRODUZIONE RISERVATA

Lascia un Commento