Iniziativa

“Contro ogni spreco” a Palermo, d’ora in poi l’ortofrutta invenduta sarà destinata ai più bisognosi

presa da: agronotizie.imagelinenetwork.com
presa da: agronotizie.imagelinenetwork.com
2 mar 2016 - 11:27

PALERMO - Si chiama “Contro ogni spreco” ed è la campagna sostenuta dal comune su proposta di alcuni concessionari degli stand del mercato ortofrutticolo. L’obiettivo è prevenire ogni forma di spreco alimentare ed evitare che il cibo invenduto finisca nella spazzatura.

Ogni sabato, infatti, gli operatori no profit accreditati potranno recarsi in uno stand adibito alla raccolta di frutta e verdura invenduta all’interno del mercato di via Monte Pellegrino, registrarsi e ritirare i prodotti da destinare alle strutture e associazioni che si occupano di preparare pasti caldi ai senza tetto e persone in stato di marginalità sociale ed economica.

L’idea è stata suggerita. al comune di Palermo, da Giuseppe Timpa, 50 anni, uno dei concessionari degli stand che da una vita lavora nel settore del mercato ortofrutticolo palermitano.

“Questa idea – ha detto Timpa in conferenza stampa – è nata perche’ qui si spreca molto, troppo cibo viene buttato. Ogni giorno finiscono nella spazzatura quintali di cibo. Così abbiamo lanciato questa proposta che abbiamo avviato 3 settimane fa”.

“Il Comune è soggetto gestore del mercato – ha detto l’assessore comunale alle Attività produttive Giovanna Marano – con questa pratica si agevola l’incrocio tra i soggetti no profit e quelli che svolgono attività di distribuzione alimentare”.

“Stiamo cercando di fare un lavoro coinvolgendo tutti coloro che svolgono attività nel sociale – ha detto il presidente dell’associazione Leali della protezione Sicilia , Aldo Melillida tre settimane abbiamo cominciato questo esperimento ed i risultati sono già ottimi”.

“Ogni giorno prepariamo da mangiare per 140-150 persone – racconta Antonio Cocco del “Boccone del Povero” - siamo una goccia nel mare del bisogno e questa iniziativa ci consente di recuperare qualcosa oltre al cibo fornito dal banco alimentare”.

Redazione NewSicilia



© RIPRODUZIONE RISERVATA