Rifiuti

A.A.A. contenitore della differenziata cercasi, alla ricerca del cassonetto perduto

contenitori viale rapisardi
14 feb 2017 - 17:48

CATANIA - Riportiamo integralmente un comunicato stampa giunto in redazione di Vincenzo Parisi, presidente della commissione al Bilancio, sulla situazione della raccolta differenziata.

A.A.A. contenitore della differenziata cercasi”, anche se in certe zone di Catania sarebbe meglio dire “alla ricerca del cassonetto perduto”.

Una frase che ricorda tanto il titolo di un film di successo ma, invece, è la realtà quotidiana nel capoluogo etneo. Dove sono finiti i cassonetti della raccolta differenziata? Perché sono sempre di meno?

Si tratta di strumenti indispensabili per il recupero di vetro, carta. Una cosa non da poco visto che abbiamo la poco invidiabile “maglia nera” per quanto riguarda l’indifferenziata. Infatti tra la “non-cultura” del riciclo e la maleducazione dello spreco cosa si fa? Un bel niente. Un problema che il sottoscritto Vincenzo Parisi, presidente della commissione al Bilancio, ha denunciato più volte sottolineando pure che al viale Mario Rapisardi contenitori e campane sono diventati ormai oggetti misteriosi.

Si spostano da una parte all’altra della zona e non si capisce il motivo di tutto ciò. Come dovrebbe fare un cittadino a riciclare? Da qui la mia richiesta affinché il Comune punisca in modo esemplare le ditte responsabili che non garantiscono un servizio degno di questo nome oppure non mettono l’utente nelle migliori condizioni per effettuare la differenziata. L’amministrazione Bianco deve intervenire immediatamente perché senza un percorso virtuoso di riciclo c’è il rischio di andare incontro a multe salate oppure di vedersi la città invasa dalle micro discariche abusive ed a pagare, come sempre, sarà l’intera collettività. 

Commenti

commenti

Redazione NewSicilia



© RIPRODUZIONE RISERVATA