Denuncia

Codacons contro le bollette a 28 giorni, Tanasi: “restituire soldi agli abbonati”

Tanasi
14 set 2017 - 16:39

PALERMO - Il Codacons si porta contro le bollette a 28 giorni: “pronto alla class action contro gli operatori telefonici e le pay-tv che non abrogheranno le fatturazioni a 28 giorni e si rifiuteranno di restituire i soldi agli utenti“.

Ad annunciarlo è il segretario nazionale, Francesco Tanasi, appoggiando la decisione dell’Agcom di sanzionare gli operatori telefonici Tim, Wind Tre, Vodafone e Fastweb per il mancato rispetto delle disposizioni relative alla cadenza delle fatturazioni.

“Bene l’avvio dei procedimenti, ma la sanzione deve essere pesantissima ed esemplare, perché solo così ci sarà la funzione deterrente indispensabile per costringere gli operatori a rispettare i diritti dei consumatori - spiega Tanasi -. Non solo. I gestori e le pay-tv che hanno introdotto bollette a 28 giorni dovranno restituire le maggiori somme pagate dagli utenti a causa dei metodi di fatturazione fuorilegge. In caso contrario sarà inevitabile la class action del Codacons contro le aziende“.

Commenti

commenti

Redazione NewSicilia



© RIPRODUZIONE RISERVATA