Carabinieri

Catania, catturati elementi di banda dedita allo spaccio

ricatto mafia
9 dic 2015 - 16:36

CATANIA - Sono finiti in manette per associazione a delinquere e spaccio di stupefacenti. Questa mattina il tribunale di Catania ha emesso un’ordinanza di custodia cautelare nei confronti di quattro persone.

Di queste, una è ancora ricercata. Mentre Luigi Arena, 24 anni, Antonio Cosentino, 26 anni, e Agatino Ecora, di 25 (da sinistra a destra nella foto sotto), sono stati rinchiusi nel carcere di piazza Lanza.

ARENA LUIGI  COSENTINO ANTONINO ECORA AGATINOCT02031990

Il risultato è frutto di alcune indagini collegate all’arresto di 11 persone tra Catania e Messina, avvenuto lo scorso 17 luglio 2014. Attraverso una fitta rete di controlli, infatti, i carabinieri errano riusciti a disarticolare un’organizzazione malavitosa dedita alla spaccio di stupefacenti. Tuttavia, attraverso ulteriori dettagli, era stata riscontrata l’esistenza di una cellula autonoma che operava su Catania. A confermare i sospetti dei militari sono state alcune intercettazioni telefoniche e ambientali.

La banda, che preferiva il contatto diretto, nelle telefonate utilizzava un linguaggio in codice, indicando la quantità attraverso parole come “auto” o “camion” ed era ben organizzata al suo interno. Un elemento su tutti, chiamato “zio” gestiva e impartiva ordini. Spesso, però, il suo ruolo veniva rivestito da Cosentino.

Il braccio destro era Ecora, che si occupava di consegnare la merce, spesso cocaina. Mentre Arena aveva il compito di spacciare e raccogliere i soldi.

I carabinieri sono alla caccia dell’ultimo elemento del gruppo. 

Commenti

commenti

Andrea Lo Giudice



© RIPRODUZIONE RISERVATA

Lascia un Commento