Degrado

Catania, ti ricordi dell’ex Mulino di Santa Lucia?

ex-mulino-santa-lucia
25 dic 2016 - 06:32

CATANIA - Correva l’anno 2000 quando “Acqua Marcia“, società dell’imprenditore Caltagirone, decise di prendersi “cura” dell’ex Mulino di Santa Lucia, nella zona adiacente al Porto e piazza Alcalà: ristrutturazione e trasformazione prima in uffici, poi si era pensato anche ad un bell’albergo vista mare.

Niente di tutto questo fu mai compiuto e quell’enorme blocco di cemento è piazzato lì, lasciato all’incuria e al vandalismo. Tra la fine del 2008 e l’inizio del 2009 è stato sottoposto a sequestro dalla Magistratura, che indagò e indisse un processo per abuso d’ufficio contro l’amministratore delegato dell’azienda, Giovanni Beneduci, insieme con Maurizio Pennesi, Giovanni Cervi, Vito Paladino, ex ingegnere capo del Comune di Catania: tutti sotto la difesa dell’avvocato Trombetta e Mario Gioacchino Arena, difeso dall’avv. Fiumefreddo.

La seconda sezione della Corte d’Appello, però, assolse lo scorso aprile i cinque imputati. 

Fatto sta che questo immobile è comunque lì, senza un padrone o qualcuno che decida di farci qualcosa, senza acquirenti, quello che doveva diventare cuore pulsante della città è diventato un altro cancro, un “ecomostro“. Tutti l’avrete visto almeno una volta, cercando di svincolare dal traffico o soltanto di passaggio: al suo interno un parcheggio che può ospitare duecento auto, portici pieni di graffiti, materassi, bottiglie di vino, coperte e tutto quello che ci si può immaginare: barboni, immigrati e persone malintenzionate si sono “appropriate” di questo complesso d’uffici/albergo creando allarmismi specialmente per chi in quelle zone ha un’attività commerciale o per chi frequenta quella fascia del territorio catanese durante le ore piccole della notte. 

ex-mulino-santa-lucia-1

Ricordiamoci che siamo a pochi passi dal Duomo ed in prossimità di via Dusmet, al centro di Catania: si richiede che questo immobile venga definitivamente commissionato a qualcuno in modo da non ritrovarsi, con il passare degli anni, un altro edificio fantasma che farebbe compagnia ad altri presenti a Librino, Cibali e Picanello: l’intervento delle Forze dell’Ordine pare non esserci mai stato ed il degrado sale di livello, giorno dopo giorno.

“È una zona di transito importantissima, data la presenza del porto arrivano tantissimi turisti e vedendo questo bruttissimo palazzo non diamo certamente un’immagine positiva. Ci sono stati tanti episodi di vandalismo e anche di più gravi in queste strade, bisogna tutelare questo territorio perché sembra non dare fastidio ma in realtà conviviamo ormai con gente malintenzionata e di malaffare; era meglio prima, adesso non ci sono controlli da parte di nessuno, è una cosa molto grave”. Sono soltanto alcune delle dichiarazioni di commercianti e passanti del quartiere che, alla vista di quel grosso immobile abbandonato, che specie la sera non è un bel colpo d’occhio, tengono molto alla zona in cui lavorano/abitano. 

Che ne sarà dell’ex Mulino di Santa Lucia? Svolta o brutta immagine della città? A voi i commenti.

Comments

comments

Gabriele Paratore



© RIPRODUZIONE RISERVATA

Lascia un Commento