Controlli

Catania: sequestrato 1 milione e mezzo di articoli contraffatti e pericolosi per la salute

foto 2
13 ott 2015 - 11:31

CATANIA - Il fenomeno della contraffazione ha, ormai, investito la maggior parte dei settori e dei prodotti del mercato italiano, dall’abbigliamento alla cosmesi, dai mobili al bricolage, dai giocattoli all’illuminazione e tanto altro.

A farne le spese, oltre ai commercianti che sempre con maggiore fatica riescono a resistere alla concorrenza del “made in china”, sono i consumatori, spesso vittime di “incidenti” legati all’acquisto, all’uso e/o al consumo di determinati prodotti non originali e non certificati.

Proprio questa mattina i militari del Comando Provinciale della Guardia di Finanza di Catania, hanno concluso un’importante operazione finalizzata alla repressione del fenomeno con il sequestro di circa 1,5 milioni di articoli, contraffatti e non sicuri, rinvenuti all’interno di un deposito nella zona commerciale di Misterbianco.

Il Magazzino, riconducibile ad un cittadino extracomunitario di origine cinese, conteneva numerosi giocattoli, articoli scolastici e gadget di squadre di calcio non sicuri e che riportavano noti marchi contraffatti, tra i quali “Walt Disney, Winnie the pooh, Barbie e Ben10”, oltre a migliaia di articoli particolarmente pericolosi per i più piccoli come pistole e fucili giocattolo spara pallini.

foto 1

A ciò si aggiungano diverse migliaia di prodotti elettronici privi dei requisiti previsti per legge e di scarsa qualità tra cui “powerbank”, hub USB, cavi di rete, luci LED, prese da rete con porta usb, basi per ricarica batteria, pistole a colla termica e luci natalizie.

Infine, i finanzieri hanno rinvenuto piastrine insetticide antizanzare ed elettroemanatori a presa elettrica privi di indicazione d’uso e composizione, nonché dell’autorizzazione all’immissione in commercio del Ministero della Salute.

Il titolare dell’attività è stato denunciato alla Procura della Repubblica etnea e segnalato alla Camera di Commercio per l’irrogazione delle sanzioni previste in materia di commercializzazione di prodotti non sicuri. 

Commenti

commenti

Marco Bua



© RIPRODUZIONE RISERVATA

Articoli Correlati

Lascia un Commento