Controlli

Catania, sequestrati articoli pirotecnici e materiale contraffatto: denunciato un commerciante cinese

foto-2
29 nov 2016 - 10:25

CATANIA - Con l’approssimarsi del periodo natalizio il comando provinciale della guardia di finanza di Catania ha intensificato l’azione di controllo volta a tutelare il mercato e i consumatori dalla vendita di prodotti non sicuri e contraffatti.

I controlli sono stati orientati su tutta la filiera di importazione e vendita dei prodotti, ma in particolare nei confronti di alcuni depositi ubicati nella zona industriale del capoluogo e di Misterbianco.

In questo contesto, i militari del gruppo di Catania hanno eseguito un intervento in un grosso capannone gestito da cinesi dove formalmente si svolgeva un’attività di commercio all’ingrosso di ferramenta.

foto-1-1 

All’interno del deposito i finanzieri hanno scoperto centinaia di scatoloni contenenti prodotti di vario genere: giocattoli, prodotti elettronici, illuminazioni natalizie, utensili e altra merce contraffatta ovvero non a norma per ciò che concerne la sicurezza dei prodotti.

Tra i ripiani del deposito erano presenti anche scatole contenenti una grandissima quantità di artifizi pirotecnici, oltre 220 mila pezzi, detenuti illegalmente in quanto l’impresa non è risultata in possesso delle necessarie autorizzazioni di pubblica sicurezza.

L’ingente quantitativo di fuochi d’artificio, del peso complessivo di circa 650 chilogrammi, è stato sottoposto a sequestro e immediatamente trasportato presso un’azienda specializzata del settore dove, in attesa di essere distrutti, sarà custodito in piena sicurezza.

Anche la restante merce, pari a circa due milioni di prodotti, è stata sequestrata perché sprovvista delle necessarie caratteristiche di sicurezza, ovvero contraffatta.

Il titolare dell’impresa è stato denunciato alla procura della repubblica di Catania per il reato di introduzione nello stato e commercio di prodotti con segni falsi, vendita di prodotti industriali con segni mendaci e detenzione abusiva di materiale esplosivo.

Redazione NewSicilia



© RIPRODUZIONE RISERVATA