Immigrazione

Catania, sbarco del 5 marzo: fermati due presunti scafisti libici. FOTO e VIDEO

admin-ajax
9 mar 2017 - 10:01

CATANIA - La Procura Distrettuale della Repubblica di Catania ha coordinato le attività svolte dalla Polizia di Stato e dalla Guardia di Finanza di Catania che hanno posto in stato di fermo di indiziato di delitto Wasim Al Morhaq, libanese di 24 anni e Zouhair Samida, libanese di 27 anni, in quanto gravemente indiziati dei reati di associazione per delinquere finalizzata al favoreggiamento dell’immigrazione clandestina, per avere promosso ed organizzato, unitamente ad altri soggetti, allo stato ignoti, viaggi dalle coste libiche a quelle italiane, e favoreggiamento dell’immigrazione clandestina.

AL MORHAQ Wasim classe 1992

SAMIDA Zouhair classe 1989

La mattina del decorso 5 marzo presso il Porto di Catania è giunta la nave della Guardia Costiera norvegese “Siem Pilot”, con a bordo 502 migranti di varie nazionalità ed una salma. Le indagini avviate, sotto il coordinamento della Procura Distrettuale della Repubblica di Catania, da personale della Squadra Mobile – Sezione Criminalità Straniera e Prostituzione – e da militari del locale Comando Provinciale della Guardia di Finanza hanno consentito di individuare i due cittadini libici quali organizzatori del viaggio, unitamente ad altri soggetti, allo stato ignoti, nonché conducenti di un’imbarcazione in legno, con al traino altro natante di piccole dimensioni – con il quale i due trafficanti sarebbero dovuti tornare sulle coste libiche – su cui viaggiavano 32 migranti, prevalentemente di nazionalità siriana, soccorsi il decorso 3 marzo dalla nave “Siem Pilot”.

Nel corso delle indagini univoche e concordanti sono risultate le testimonianze rese da migranti di varia nazionalità e lingue diverse. In particolare, un giovane cittadino siriano ha fornito uno spaccato del modus operandi delle organizzazioni libiche che si occupano del traffico di essere umani. Il giovane siriano, dimorante in Libia da alcuni anni, ha riferito che, per conto di un gruppo di connazionali, dimoranti a Zwara – aveva contattato un soggetto conosciuto come Wasim, indicato come “poliziotto libico”, per organizzare un “viaggio” con un’imbarcazione di dimensioni ridotte ma ritenuta “sicura”. Con Wasim ed altro libico indicato con il nome di Zoher, Samida Zouhair, ha pattuito il pagamento della somma di 95.000,00 dinari libici - circa 63 mila euro per un importo pro capite di 3.300,00 dinari – consegnando a Wasim solo parte della somma, con l’impegno che la rimanente parte l’avrebbero lasciata ad un intermediario in Libia, che l’avrebbe consegnata ai trafficanti solo dopo una telefonata di conferma del loro arrivo in Italia.

In realtà, si sono accordati per versare la somma di 75.000,00 dinari libici, 40 mila da versare subito e 35 dopo l’arrivo in Italia, tanto che gli organizzatori hanno inserito nel “viaggio” anche migranti di altre nazionalità. Trascorse un paio di settimane, alle prime ore del 2 marzo scorso, Wasim aveva condotto i migranti presso il porto di Sabratah. Sulla spiaggia di Sabratah, Wasim e Zoher, collaborati da altri 4 libici, hanno fatto salire i migranti su un’imbarcazione in legno sulla quale ha preso posto anche Wasim il quale si metteva alla guida del natante.

Zoher, dopo avere preso posto su un natante più piccolo, al traino dell’imbarcazione con i migranti, è salito su quest’ultima mettendosi alla guida. L’accordo di Wasim e Zoher con i migranti era quello di condurli in alto mare e, poco prima dell’arrivo dei soccorsi, rientrare con il barchino verso le coste libiche. Nel corso della traversata, l’imbarcazione su cui viaggiavano i migranti ha fatto registrare un’avaria al motore; a quel punto i due libici sono saliti a bordo del barchino promettendo di avvisare i soccorsi.

Il giovane siriano, temendo che li avrebbero abbandonati con la barca che andava alla deriva, si è tuffato in mare ed è salito a bordo del barchino per cercare di raggiungere insieme a Zoher una nave dei soccorsi, mentre Wasim è rimasto sull’imbarcazione con gli altri migranti. L’avaria al motore del barchino ha impedito di andare a cercare soccorsi che, tuttavia, non hanno tardato ad arrivare essendo stati avvistati da un elicottero che aveva dava l’allarme raccolto dalla “Siem Pilot”.

Durante la permanenza a bordo della “Siem Pilot”, i due libici hanno raccomandato ai migranti di riferire alle Autorità di essere dei pescatori che avendoli visti in difficoltà si erano fermati per aiutarli. Il loro tentativo di eludere le investigazioni, però, non è andato a buon fine grazie alle dichiarazioni, precise e concordanti, dei migranti, al report acquisito dalla nave della guardia costiera norvegese ed ai filmati dai quali non è stato rilevato alcun elemento che potesse far ritenere trattarsi di un’imbarcazione di pescatori.

Espletate le formalità di rito, i fermati sono stati associati presso il carcere di Catania Piazza Lanza a disposizione dell’A.G.

Commenti

commenti

Redazione NewSicilia



© RIPRODUZIONE RISERVATA