Pericolo

Catania, da rimuovere impalcatura di via Grotta Magna: appello di Carmelo Sofia

impalcatura-via-grotta-magna-e-via-plebiscito-2
20 ott 2016 - 17:21

CATANIA - La relazione dei Vigili del Fuoco e l’intervento del Comune di Catania, affinché i proprietari dell’immobile si attivino per rimuovere il pericolo, rappresentano solo gli ultimi episodi riguardanti l’impalcatura pericolante posta tra via Grotta Magna e via Plebiscito.

L’azione della pubblica incolumità, che ha portato alla chiusura totale della strada, non ferma il viavai della gente che deve raggiungere via Plebiscito anche a costo di farsi molto male. Un grosso problema di sicurezza che riguarda pure il traffico vicino: nel cuore del rione Cappuccini le travi di legno e le putrelle d’acciaio da quasi due settimane restano in equilibrio precario.

Il presidente della Commissione Comunale alla Viabilità, Carmelo Sofia, si è espresso così in merito: “Transenne e divieti non servono assolutamente a nulla perché, nonostante le normative imposte da Palazzo degli Elefanti, decine di persone non si rendono conto del pericolo e passano comunque sotto queste protezioni instabili. Una situazione resa ancora più difficile dal fatto che il vecchio palazzo è stato trasformato, in tutti questi anni, in un’enorme pattumiera a cielo aperto dove abbandonarci perfino l’eternit. Come presidente della commissione comunale alla Viabilità chiedo al sindaco Enzo Bianco, sempre attento a questo tipo di tematiche, di attivarsi immediatamente e, già dalla prossima settimana, di fare in modo che l’area venga definitivamente messa in sicurezza”.

impalcatura-via-grotta-magna-e-via-plebiscito-3

“Occorre monitorare costantemente la situazione – ha proseguito – in modo tale che quest’ultima non peggiori con gravi conseguenze per la collettività. Cosa succederà in caso di completo crollo dell’impalcatura? La paralisi totale del traffico. In una zona nei pressi del pronto soccorso del Vittorio Emanuele questa rappresenta un’eventualità da scongiurare in tutti i modi. Da qui la mia proposta di convocare per la prossima settimana un sopralluogo necessario a risolvere questo problema in tempi brevi”.

Gabriele Paratore



© RIPRODUZIONE RISERVATA