Controlli

Catania, prostitute e “clienti” nel mirino della polizia, multe e sanzioni tra le “vie dell’amore”

prostituzione
6 mag 2017 - 13:06

CATANIA - Nella giornata di ieri personale dipendente della Polizia di Stato e dei Vigili Urbani appartenenti al Reparto Annona e Sicurezza Urbana ha effettuato controlli straordinari mirati al contrasto del dilagante fenomeno della prostituzione nei centri urbani e, nella circostanza, è stata applicata la nuova normativa volta alla tutela del decoro urbano che, tra l’altro, prevede, per chi esercita tale attività, una sanzione pecuniaria da 200 euro a 300 euro e l’ordine di allontanamento dal luogo in cui sono state fermate con efficacia per le successive 48 ore; se dovessero venir meno all’ordine, la normativa prevede un inasprimento delle sanzioni.

Nello specifico, sono state individuate 10 donne dedite alla prostituzione in viale Africa, piazza Galatea, piazza Mancini Battaglia e zona Stazione Centrale e tutte, prive di documenti, sono state accompagnate per il fotosegnalamento nell’ufficio Gabinetto della Polizia Scientifica al fine di verificare l’esatta identità delle fermate e permettere all’ufficio Immigrazione di adottare gli ulteriori provvedimenti di competenza, tra questi espulsione e simili.

Sui luoghi in cui sono state fermate le citate donne, sono stati rinvenuti condom usati, fazzoletti ed altri oggetti che dimostrano le scarse condizioni igienico-sanitarie e il degrado urbano che crea il fenomeno della prostituzione.

Diversi clienti sono stati fermati ed identificati e a loro è stata applicata la sanzione pecuniaria contemplata dalla recentissima ordinanza del sindaco che prevede, per gli avventori e per chiunque adesca una prostituta lungo le vie cittadine, la sanzione amministrativa pecuniaria da 100 euro a 300 euro.

Le donne rintracciate sono tutte di nazionalità rumena e polacca, tra queste una minorenne per la quale è stata inoltrata una denuncia di allontanamento della madre. La giovane sarà affidata ad una struttura di accoglienza.

Saranno emessi i decreti di allontanamento dal Prefetto di Catania.

Commenti

commenti

Redazione NewSicilia



© RIPRODUZIONE RISERVATA