Tragedia

Catania, la donna morta in piazza Cutelli uccisa dal punteruolo rosso

cutelli
23 ott 2014 - 11:07

CATANIA – Nel tronco sono state trovate delle larghe cavità… dei tunnel scavati dal punteruolo rosso. Non il forte vento, dunque, bensì questo coleottero sarebbe la causa del crollo della punta di una delle palme secolari di piazza Cutelli che ha ucciso Patrizia Scalora, 49 anni.

Poche ore fa è avvenuto il sopralluogo degli esperti per eseguire la campionatura  disposta dal sostituto procuratore, Agata Santonocito, e verificare lo stato di salute della pianta ed ecco la scoperta.

foto

La tragedia si è verificata oggi a metà mattinata, nel centro storico di Catania, a due passi dalla Civita. La signora, moglie di un maresciallo della guardia di Finanza, era seduta su una panchina di pietra lavica e stava chiacchierando con la figlia di 19 anni, quando è stata colpita da una parte del tronco ed è morta sul colpo.

palma

La palma, alta più di cinque metri, era stata potata di recente dai giardinieri del Comune che però non avrebbero notato niente di sospetto in quanto la presenza del parassita si era manifestata all’esterno con un foro di pochi centimetri ad un’altezza di tre metri. Foro che non era stato avvistato né dagli operai che erano a terra né da quelli che erano saliti con la scala per potare la pianta. Oggi, invece, sarebbe emerso che la palma era malata, al suo interno c’era, infatti, il punteruolo rosso.

foto 3

Sul posto per le indagini sono intervenuti i carabinieri, la finanza e vigili del fuoco. La Procura etnea ha aperto un’inchiesta che al momento è contro ignoti e il sostituto procuratore non ha disposto l’autopsia della vittima ma ipotizza il reato di omicidio colposo.

foto 1

Sul grave episodio l’amministrazione comunale ha espresso “profondo dolore e commozione” e dal Comune hanno spiegato che probabilmente la pianta sarebbe stata indebolita “da un rarissimo attacco laterale del punteruolo rosso che solitamente aggredisce invece la chioma delle palme”. Il sindaco ha espresso inoltre il proprio cordoglio e quello di tutta la cittadinanza alla famiglia e ha disposto un’indagine interna, parallela a quella della magistratura, per accertare eventuali responsabilità incaricando subito il consulente per il verde, Annibale Sicurella, l’università e l’orto botanico.

foto 5 Domani alle 16, nella chiesa Cuore Immacolato di Maria e Sant’Anna di Carlentini, nel siracusano, verranno celebrati i funerali di Patrizia Scalora. Il Comune ha anche disposto un’accurata ricognizione dello stato di salute di tutte le palme presenti sul territorio di Catania, a partire dalle altre piante della piazza Cutelli, per accertare che non vi siano altri attacchi laterali di punteruolo rosso. Già un anno fa circa un episodio analogo accadde ad Acitrezza. La vittima si chiamava Claudio Anastasi, 58 anni, organizzatore di eventi musicali.

Giorgia Mosca – Marco Bua – Andrea Sessa

Commenti

commenti

Redazione NewSicilia



© RIPRODUZIONE RISERVATA

Articoli Correlati

2 pensieri su “Catania, la donna morta in piazza Cutelli uccisa dal punteruolo…

  1. Marcello Di Salvo

    Ecco che cosa succede quando le amministrazioni e gli organi preposti al controllo non danno ascolto: Da anni il mio centro segue un progetto “Palmprotec” che mira all’identificazione precoce del punteruolo rosso delle palme. Spesso ci siamo trovati di fronte a palme apparentemente sane all’occhio umano e invece positive per il soggetto che le indagava per poi scoprire, all’atto del taglio, che aveva ragione il cane. Ora non voglio fare demagogia su una tragedia ma la domanda sorge spontanea cari amministratori: quando la smetterete di non gurdarvi intorno? Quando la smetterete di far finta che non esiste un’alternativa all’occhio umano? Quando la smetterete di non dare credito a chi vi propone soluzioni alternative a metodi ormai obsoleti? Con il senno di poi tutto è facile ma chissà se invece di un occhio umano che ha dichiarato quella palma sana al controllo fatto appena qualche giorno fà, magari il fiuto di un cane adeguatamente addestrato a questo avrebbe potuto evitare l’inevitabile.
    Banale riflessione di un uomo qualunque.

Lascia un Commento