Protesta

Catania, conferenza dei Medici. “Lottiamo per la salute dei cittadini”

medici
23 nov 2015 - 17:23

CATANIA - Stamani, nella sede dell’Ordine dei Medici Chirurghi e degli Odontoiatri della provincia di Catania, si è svolta un’importante conferenza stampa con la presenza dei rappresentanti delle più rilevanti organizzazioni sindacali di categoria: dott. Giuseppe Maugeri per lo SNAMI; dott. Giuseppe Buttò per il SUMAI; dott. Emanuele Cosentino per lo SMI; dott. Pietro Papa; dott.ssa Marina Tumino e dott. Rosario Grosso per ANAO-ASSOMED; dott. Riccardo Spampinato e dott. Aldo Cirnigliaro per CIMO.

Il dott. Nino Rizzo, Consigliere dell’Ordine dei Medici, ha coordinato l’incontro, in rappresentanza del Presidente dell’Ordine prof. Massimo Buscema.

LOC_A4_28NOV2015.indd

L’incontro è stato propedeutico alla manifestazione nazionale di tutti i Medici e Odontoiatri italiani che si terrà giorno 28 Novembre in piazza Santi Apostoli a Roma. Quest’ultima sarà un’occasione importante per mostrare l’unione e la compatezza della categoria dei medici nel dire “no” al taglio drastico di circa 202 prestazioni specialistiche che verranno, di fatto, negate ai cittadini, mascherando quello che è solo un razionamento della spesa sanitaria con una presunta migliore appropriatezza.

La richiesta dei medici italiani è quella di lavorare in autonomia, libertà e responsabilità per tutelare il diritto alla salute dei cittadini.

INCONTRO MEDICI - da sx Pata, Rizzo, Spampinato

Inoltre, è stata espressa una grande preoccupazione riguardo al recente Decreto dell’Assessorato alla Sanità della Regione Siciliana per i previsti piani di controllo per il 2016 sui Medici di Medicina generale che interesseranno in via prioritaria i primi 20 professionisti prescrittori di ogni provincia. I medici si dicono sorpresi per questa iniziativa che predispone controlli su dati che sono già in possesso della stessa amministrazione. Tutte le prescrizioni, infatti, vengono giornalmente inviate in tempo reale e in via informatizzata così da essere immediatamente controllate.  

Rossana Nicolosi



© RIPRODUZIONE RISERVATA