Denuncia

Catania, al cimitero bare in fila da mesi e furti di fiori

3 ott 2014 - 13:15

CATANIA – Una segnalazione-denuncia perviene in redazione da Carmelo Sofia, consigliere comunale di Catania. Dice la nota a sua firma: “Bare in fila da mesi con i defunti in attesa di ricevere una degna sepoltura. L’obitorio del cimitero di Catania è pieno di feretri. Nelle 24 celle frigorifere non c’è più posto e quindi le bare sono posizionate in ogni angolo delle sale. Ora c’è appena lo spazio per il transito del personale comunale. Dipendenti che devono lavorare in condizioni difficili tra bagni sporchi, topi e cattivi odori”.

Carmelo Sofia lancia l’allarme e chiede una conferenza dei servizi con sindaco e tecnici per trovare una soluzione definitiva al problema.

Sin dal momento del suo insediamento a Palazzo degli Elefanti  -  continua la nota - Bianco ha preso precisi impegni per avviare una concertazione continua sul cimitero di Catania. Occorre un tavolo tecnico con il primo cittadino e l’assessore al ramo per avviare tutti gli iter burocratici necessari ad avere un luogo della memoria e del ricordo degno di questo nome”.

Ed afferma allarmato e scandalizzato: “Un sito che oggi aspetta ancora di dare una sepoltura nei campi comuni ai diciassette migranti morti nel nubifragio del barcone affondato tra la Libia e Lampedusa il 12 maggio scorso. Da 6 mesi infatti le bare restano all’interno dell’obitorio in attesa di essere finalmente tumulate”.

OLYMPUS DIGITAL CAMERA

Nel cimitero centrale di Catania sono tante le questioni segnalate dai parenti e dagli amici dei defunti: tombe sporche, mancanza di regole, carenza di controlli e continui furti. A sparire sono vasi, lampadari, leoni di marmo e soprattutto fiori.

OLYMPUS DIGITAL CAMERA

“Un vero e proprio saccheggio di addobbi floreali con il risultato che la gente non li acquista più da negozianti della zona. Abbiamo ascoltato le proteste di Rocco Lombardo, uno dei rappresentanti dei venditori di fiori nella cinta esterna del cimitero, e ci ha spiegato che le persone preferiscono non comprare più tulipani, gigli e rose per paura di non ritrovarli il giorno successivo. Per questo la conferenza dei servizi con forze dell’ordine, istituzioni politiche, sindaco e confraternite servirà a trovare una soluzione al problema e ridare al camposanto il decoro che merita sia per chi ci lavora, sia per chi ci viene per porgere un saluto ai propri cari estinti”.

Commenti

commenti

Redazione NewSicilia



© RIPRODUZIONE RISERVATA

Lascia un Commento