Criminalità

Catania, arrestato scippatore e trovate armi e droga a Librino

polizia-squadra-mobile-
26 ott 2015 - 17:03

CATANIA - Nella giornata di ieri, la Polizia di Catania ha arrestato il pregiudicato catanese Luigi Fiducia di 32 anni, per rapina aggravata in concorso ai danni di una turista straniera, e di Salvatore Bonaccorsi di 49 (ordine di carcerazione emesso dalla Procura della Repubblica).

alvatore Bonaccorsi e Luigi Fiducia

Nella foto, Salvatore Bonaccori e Luigi Fiducia

Nel dettaglio, una pattuglia della Squadra Mobile (sezione “Contrasto al Crimine Diffuso”), mentre transitava nel tardo pomeriggio in via Plebiscito, ha notato due individui a bordo di uno scooter in direzione opposta alla loro. 

I due si sono avvicinati ad una vettura incolonnata nel traffico ed il passeggero, scendendo dal mezzo, ha repentinamente aperto lo sportello dell’auto rubando una borsa di colore marrone, nonostante la donna a bordo dell’auto abbia tentato di trattenerla.

Gli agenti hanno quindi iniziato ad inseguire lo scooter, che si dirigeva all’interno del rione di San Cristoforo: è stato così bloccato uno dei malviventi, portato successivamente in Questura.

Luigi Fiducia è già volto noto agli investigatori della Polizia per essere stato tratto in arresto nel giugno del 2008, in quanto responsabile unitamente alla sorella di detenzione di armi e stupefacenti.

La borsa è stata prontamente restituita alla vittima, che ha ringraziato gli uomini della Squadra per l’efficienza e la gentilezza dimostrata.

Inoltre, nella serata del 24 ottobregli agenti della sezione Antidroga hanno eseguito un controllo in un locale in disuso di viale Bummacaro, al fine di contrastare il fenomeno dello spaccio di stupefacenti nel quartiere di Librino,

Grazie al sopralluogo, sono stati trovati una mitragliatrice cecoslovacca calibro 7.65, numerose cartucce di vario calibro, vari panetti di 1,4 kg di hashish e altri in dosi di 50 grammi, e stecche di marijuana del peso di circa 100 grammi. Il tutto è stato sequestrato.

Commenti

commenti

Gabriele Paratore



© RIPRODUZIONE RISERVATA

Lascia un Commento