Solidarietà

Anche a Catania “Accorciamo le distanze” porta sorrisi

Asa Onlus accorciamo le distanze
26 nov 2015 - 12:33

CATANIA – Il sostegno a distanza, ma con un occhio di riguardo particolare anche per chi sta vicino.

È questo l’obiettivo di “Accorciamo le distanze”, campagna promossa dal Forum per il Sostegno a Distanza e finanziata da Fondazione con il Sud. In totale, sono 25 le associazioni in Italia e all’estero con 27 progetti che abbracciano 2300 bambini e adulti in 19 paesi del mondo.

Partner locale del progetto è l‘Asa Onlus di Catania che ha ideato “Sartorie inclusive” rivolgendosi a 10 donne di età compresa tra i 15 e i 30 anni con figli minorenni. Il percorso prevede un corso di formazione professionale in sartoria e accessori moda e l’acquisto di 3 macchine da cucire per avviare un’attività.

Oltre alla Onlus, è presente anche la Fondazione Èbbene, che propone “Avanti il prossimo”. L’obiettivo è quello di migliorare la qualità della vita dei più fragili accedendo a servizi socio-sanitari-educativi di assistenza legale e alimentare, di patronato e caf.

Al centro dell’attenzione c’è anche l’assistenza scolastica, l’alimentazione e le cure mediche: attiva in quest’ottica l’associazione “Lo Scoiattolo” in Cambogia con il progetto “La distanza che unisce”. Mentre un occhio di riguardo è rivolto ai minori, agli orfani e alle giovani donne in difficoltà in Italia e in Tanzania dalla “Alup”, promotrice di “Adotta una stella cometa”.

Il presidente dell’Asa Marina Virgillito ha espresso molto bene alcuni concetti: “Non si tratta solo di sostegno a distanza, ma anche di vicinanza. I valori della solidarietà devono essere validi anche per chi è accanto a noi e vive in condizioni più disagiate. La crisi di questi anni ha aumentato il divario tra le fasce sociali”.

Andrea Lo Giudice



© RIPRODUZIONE RISERVATA