Ginecologia

È catanese il primo bimbo siciliano nato dalla fecondazione eterologa

catania clinica hera
31 lug 2015 - 12:03

CATANIA - È catanese il primo bimbo siciliano nato dalla fecondazione eterologa: il parto è avvenuto nel corso di queste ultime ore nella Clinica Ostetrica del Policlinico di Catania.

Il lieto evento ha reso finalmente genitori una coppia di quarantenni che, da almeno dieci anni, tentava inutilmente di mettere al mondo dei bambini. La neo mamma ed il neo papà non si sono mai arresi di fronte alle tante difficoltà riscontrate nel procreare: hanno tentato la fecondazione assistita all’estero e, dopo l’abolizione della legge 40 del 2004 (sino all’aprile del 2014 nella nostra nazione non era infatti consentito effettuare fecondazioni eterologhe), si sono finalmente rivolti al centro UMR – Hera di Catania: “È una gioia immensa, un sogno che rincorrevamo da oltre dieci anni. Un primo tentativo fallito all’estero ci aveva fatto sperimentare le difficoltà, materiali e psicologiche, causate dalla necessità di recarsi in centri stranieri visto l’odioso divieto posto dalla legge 40. Abbiamo quindi atteso con trepidazione la sentenza della consulta: non dimenticheremo mai quel giorno di aprile del 2014 che ha dato finalmente di nuovo il via libera in Italia alla Pma eterologa. Il progetto di genitorialità per noi così importante si è finalmente potuto realizzare nella nostra terra, non lontano dalla nostra casa“. Queste le parole dei neo genitori rilasciate ai giornalisti.

La struttura scelta dai novelli genitori per il trattamento di fecondazione eterologa è diretta dal ginecologo Nino Guglielmino ed al momento vanta strumenti all’avanguardia nonché altissime percentuali di riuscita dei trattamenti. La clinica salì agli onori della cronaca nell’ormai lontano 2000 per aver effettuato, prima in tutta Italia, una diagnosi genetica preimpianto per la talassemia.

Il primo bambino siciliano nato dalla fecondazione eterologa e la madre godono di perfetta salute; il piccolino pesa poco più di tre Kg. e ha già più volte assaporato il latte materno.

Commenti

commenti

Valentina Idonea



© RIPRODUZIONE RISERVATA

Lascia un Commento