Iniziativa

Castel di Iudica, San Giuseppe festeggiato da “poveri” e migranti

altera san giuseppe castel di iudica
21 mar 2016 - 18:26

CASTEL DI IUDICA - Si è svolta sabato 19 marzo la festa di San Giuseppe che ha visto, nello specifico, a Castel di Iudica, ospiti i migranti dello SPRAR creando una sorta di “altare” per omaggiare la città mantenendo fede alle sue tradizioni. 

L’altare, realizzato da sei migranti ospiti della struttura insieme agli operatori e ai volontari dell’associazione “La città felice onlus”, è stato visitabile ieri, domenica 20 marzo, dalle 10 alle 16 in via Montesanto.

Per l’occasione sono state invitate tre persone, di fasce sociali poco agiate, che hanno rappresentato San Giuseppe, la Madonna e Gesù e che hanno potuto gustare le prelibatezze realizzate dagli ospiti. 

Lo scopo principale dell’iniziativa è stato portato a termine: tre persone poco abbienti sono state aiutate grazie alla benevolenza soprattutto della cittadinanza e del centro di seconda accoglienza.

Michele Cisternino, responsabile della struttura, ha ringraziato anche la ditta “Di Paola” per i fiori donati e la signora Capizzi per il suo ausilio.  

Inoltre, Rossana Russo, presidente della cooperativa San Francesco, ha sottolineato come l’iniziativa, è stata occasione di integrazione per i migranti ospiti all’interno di una festa e di una tradizione ormai consolidata da tempo.

 

Rossana Nicolosi



© RIPRODUZIONE RISERVATA