Mafia

Caso Saguto: il Csm indaga su organizzazione del magistrato in sezione

Silvana Saguto
15 ott 2015 - 12:26

PALERMO - Si amplia il lavoro del Csm per fare luce sulla sezione misure di prevenzione del tribunale di Palermo.

Palazzo dei Marescialli, oltre alla procedura di trasferimento per incompatibilità avviata in Prima Commissione sul caso Palermo, si accinge a compiere verifiche anche sul progetto organizzativo che Silvana Saguto aveva attuato come presidente della sezione Misure di prevenzione.

La Settima Commissione dell’organo di autogoverno della magistratura ha aperto una pratica dedicata a questi ulteriori approfondimenti, su richiesta del laico di FI Pierantonio Zanettin (relatore in Prima Commissione del fascicolo sul caso Palermo) sulla base della documentazione fornita dal presidente del tribunale da cui sembra emergere che la sezione guidata da Saguto versasse in una “situazione di opacità e disorganizzazione”.

Una tesi, quest’ultima, sostenuta anche dal presidente dell’Ordine degli avvocati del capoluogo siciliano, Francesco Greco, durante l’audizione avuta oggi al Csm: Greco ha parlato di vero e proprio “caos organizzativo” della sezione misure di prevenzione e confermato il “clima di sfiducia e di grande disagio” che si respira nell’ufficio giudiziario dopo l’inchiesta aperta dai pm di Caltanissetta. Altre audizioni – quella del presidente della Corte d’appello Gioacchino Natoli, del pg Roberto Scarpinato e del presidente dell’Anm Palermo Matteo Frasca – si terranno lunedì pomeriggio, mentre martedì mattina dovrebbe svolgersi quella del presidente della Camera penale palermitana Antonino Rubino: i penalisti, con un documento delle scorse settimane, avevano chiesto di “azzerare” la sezione misure di prevenzione e di trasferirne le competenze alle sezioni ordinarie.

Il Csm, dunque, vuole capire il perché di una posizione così radicale. Una volta conclusa questa prima fase istruttoria, Palazzo dei Marescialli deciderà quando convocare i 5 magistrati (oltre a Saguto, i giudici Tommaso Virga, Lorenzo Chiaromonte e Fabio Licata, e il pm Dario Scaletta) per cui è stata avviata la procedura di trasferimento.

Commenti

commenti

Redazione NewSicilia



© RIPRODUZIONE RISERVATA

Articoli Correlati

Lascia un Commento