Scandalo

Caso Saguto: beni confiscati, nominati gli amministratori giudiziari, un prefetto e un avvocato

tribunale-3
26 set 2015 - 10:57

PALERMO - Il nuovo presidente della sezione misure di prevenzione del tribunale di Palermo, Mario Fontana, ha nominato un prefetto donna in pensione ed un avvocato noto per il suo impegno nella società civile come primi amministratori giudiziari.

I due neo amministratori sono Isabella Giannola, che fu la prima donna prefetto in Sicilia e già vicedirettore del Cesis, ed Antonio Coppola, avvocato civilista.

L’ex prefetto sarà incaricato della gestione del patrimonio della famiglia Rappa valutato circa 800 milioni, mentre Coppola seguirà l’amministrazione dei negozi Bagagli, entrambi sequestrati per mafia.

Fino a poco tempo prima si occupava di entrambe le gestioni l’avvocato Walter Virga, 35 anni,  che si era dimesso poiché coinvolto nell’indagine della Procura di Caltanissetta sulla gestione dei beni confiscati alla mafia.

Nella stessa inchiesta sono implicati anche il padre del giovane avvocato, Tommaso Virga, ex consigliere del Csm e oggi presidente di sezione del tribunale del capoluogo siciliano, e Silvana Saguto, presidente dell’ufficio misure di prevenzione sempre del tribunale di Palermo, sotto indagine per concussione, induzione alla concussione ed abuso d’ufficio.

Un altro amministratore, Gaetano Cappellano Seminara, è finto sotto indagine senza però lasciare l’incarico.

La decisione è stata adottata non sulla base dei curricula presentati prima e dopo lo scoppio dello scandalo che ha portato all’azzeramento delle misure di prevenzione, ma secondo i criteri fiduciari consentiti dalla legge.

Commenti

commenti

Redazione NewSicilia



© RIPRODUZIONE RISERVATA

Articoli Correlati

Lascia un Commento