Omicidio

Caso Loris: colletta su Facebook per pagare la difesa di Veronica Panarello

veronica panarello
12 gen 2015 - 09:45

RAGUSA – Una vera e propria colletta è stata organizzata su Facebook per pagare la difesa di Veronica Panarello, la giovane accusata di avere ucciso lo scorso 29 novembre il figlio Loris di 8 anni e di avere gettato il suo corpo in un canalone.

Ad organizzarla è stato il padre della giovane donna, Francesco Panarello.

Sulla pagina “Veronica è innocente”, che ha 2.125 like, scrive: “Amici, è l’ora di dimostrare non solo a parole il nostro sostegno a Veronica Panarello. Il suo avvocato, Francesco Villardita, essendo amico di famiglia, ha generosamente accettato di assisterla pro bono ma sono necessari periti ed esperti per sostenere la linea difensiva. Ovviamente ciascuno potrà contribuire secondo le proprie possibilità, se saremo in tanti anche 10 euro a testa potranno formare una somma consistente”.

Veronica Panarello è detenuta nel carcere di Agrigento, dove pochi giorni fa ha avuto la visita del vescovo della città dei Templi, monsignor Francesco Montenegro.

Commenti

commenti

Redazione NewSicilia



© RIPRODUZIONE RISERVATA

Articoli Correlati

Un pensiero su “Caso Loris: colletta su Facebook per pagare la difesa di…

  1. Michele Sciuto

    Perchè fare una colletta? Perchè l’avvocato non fa un credito a Veronica visto che è convinto che è innocente? Quando Veronica avrà dimostrato la sua innocenza (sempre se è innocente) potrà farsi risarcire dallo stato i danni morali e suon di tanti bei soldini (a spese dello stato…che siamo noi vista la premura di mettere in carcere una donna che a mio avviso è innocente ma che comunque potevano bastare i domiciliari) e da quella somma il suo illustre avvocato potrà trattenere la sua bella e proficua percentuale.

Lascia un Commento