Polizia

Carte di credito e prepagate clonate: ancora truffe nel mondo virtuale

carte di credito clonate
26 ago 2016 - 16:30

PALERMO - Nuove truffe sgominate dalla Polizia di Stato per quanto riguarda la clonazione di carte di credito e carte prepagate.

L’agente Lisa, profilo virtuale della polizia su facebook, ha già avvisato tutti gli utenti nel prestare grande attenzione alle insidie che si possono nascondere dietro l’utilizzo di carte di credito e carte prepagate con il codice CVV.

“Fino ad oggi – spiega l’agente Lisa – avrete sentito parlare di carte di credito clonate ma oggi vi parlo di un altro modo per truffare sempre con carte di credito. Avete presente quella sfilza di numeri sovrimpressi sulla vostra carta? Quelli identificano la carta e il titolare perché ci sono anche nome e cognome, ma se volete acquistare via internet avete bisogno anche del codice di sicurezza CVV. Sono tre numeri impressi sul retro della carta”.

E qui i truffatori entrano in azione, perché se riescono in qualche modo a carpirvi il numero della carta e il CVV poi riescono a fare acquisti online a nome vostro e anche a pagarsi soggiorni in hotel. Esattamente come è successo ad Ischia nei giorni scorsi dove i poliziotti del commissariato hanno fermato diversi truffatori che stavano godendosi vacanze a sbafo alle spalle dei truffati che non immaginavano lontanamente tutto quello che stava accadendo”.

La frode è stata scoperta grazie ad uno dei truffati che, avendo attivato le notifiche sms per ogni operazione eseguita sulla sua carta, è riuscito a rendersi conto in tempo della truffa online che stava per subire da alcuni “furbetti”.

Oltre a questo anche la direzione di un albergo ha contribuito a smascherare i truffatori dopo essersi insospettita per la numerosa presenza di clienti che, nel giro di poche ore, si erano presentati con dei soggiorni prepagati.

Il consiglio lanciato dall’agente Lisa è quello di attivare le notifiche sms sulla propria carta anche per piccoli importi in modo tale che, ogni volta che vengono effettuati degli acquisti con le varie carte, il proprietario possa essere avvisato e, nel caso in cui gli acquisti non siano corrisposti, possa il prima possibile evitare di essere truffato.

Carlo Marino



© RIPRODUZIONE RISERVATA