Microcredito

Caritas: inaugurato take away tutto al femminile

take-away-microcredito
18 apr 2016 - 18:27

CATANIA – Tre giovani mamme, due catanesi e una senegalese, realizzano il loro sogno inaugurando un take away vegano e vegetariano, nei pressi del tribunale, grazie al servizio Microcredito della Caritas Diocesana.

Melita, Monia e Jeanne, tre amiche con la passione per la cucina vegana e internazionale, hanno realizzato il loro personale sogno con i 25 mila euro ricevuti dal Prestito della Speranza, strumento di microcredito promosso dalla Cei in collaborazione con il gruppo Intesa-San Paolo per l’avvio di una nuova attività imprenditoriale.

L’idea è venuta a Melita Caparno, 33 anni, beneficiaria del prestito, ragazza madre, dall’esperienza pluriennale come cuoca vegana e vegetariana. Senza pensarci due volte ha coinvolto le amiche di una vita assumendole come dipendenti della propria ditta individuale.

Quando ho ottenuto l’erogazione del prestito – ha commentato Melitanon ho avuto dubbi, subito ho offerto a Monia e Jeanne la possibilità di metterci in gioco per il futuro delle nostre figlie. Per noi è una grande scommessa”.

Adesso le tre donne dopo anni di lavoro precario nella ristorazione hanno un locale tutto loro da gestire ed amministrare.

Il servizio di microcredito della Caritas permette a famiglie e soggetti senza credibilità creditizia e finanziaria di accedere ad un finanziamento che per varie problematiche sarebbe loro negato. La Caritas non eroga direttamente contanti ma svolge il ruolo di assistenza e tutoraggio. 

 “Sempre più donne si rivolgono alla Caritas – ha spiegato Salvo Pappalardo, responsabile del servizio microcredito -. Sono fragili e vulnerabili specie quando escono da dolorose separazioni. Troppo spesso, poi, pagano le colpe di mariti e compagni che non possono accedere al credito per via di protesti, sovra-indebitamento e altre problematiche. Il microcredito permette loro di riacquistare dignità, stabilità lavorativa e riprendere in mano la propria vita”.

Redazione NewSicilia



© RIPRODUZIONE RISERVATA