Solidarietà

Cara di Mineo, consegnata protesi a giovane nigeriano

pedro 2
19 mar 2015 - 16:41

MINEO - Un gesto di solidarietà per alleviare il disagio e, soprattutto, la sofferenza in chi ha patito tanto per raggiungere il nostro paese. Questa mattina il Nuovo Cara Mineo si è reso protagonista di un gesto carico di grande significato: la consegna di una protesi ad un giovane nigeriano – di nome Pedro – che aveva perso un arto inferiore a causa di un incidente avuto nel suo paese d’origine. La consegna della protesi è avvenuta con un momento di festa, che è stato voluto fortemente sia dalla direzione del Cara che dall’Ati. Quest’iniziativa, che ha richiamato diversi rappresentanti della comunità nigeriana presente nel centro di contrada Cuccinella, è stata organizzata in collaborazione con la Croce Rossa provinciale, rappresentata per l’occasione dal presidente, Stefano Principato.

Il giovane Pedro è stato accolto gioiosamente dagli operatori del centro con le note dell’inno ufficiale della Champions League di calcio, sport di cui è molto appassionato, poiché in Nigeria ha giocato ad alti livelli per diversi anni. È toccato pertanto al direttore del Cara Maccarrone e al presidente della Croce Rossa Principato consegnare assieme la protesi a Pedro. ”Oggi abbiamo permesso a Pedro – ha detto Maccarrone – di ritornare a sorridere e ciò è stato possibile grazie alla preziosa collaborazione della Croce Rossa e del team di lavoro del nostro centro”.

Stiamo vivendo – ha sottolineato Stefano Principato, presidente provinciale della Croce Rossa – un momento molto profondo, perché Pedro ritornerà a muoversi per essere libero ed indipendente. Il nostro obiettivo è quello di tutelare il benessere fisico e psicologico degli ospiti”.

pedro 1

Toccanti sono state le parole di ringraziamento espresse da Pedro, il cui pensiero è volato ai suoi connazionali: ”In Nigeria ci sono parecchi fratelli che hanno il mio stesso problema. Speriamo che qualcuno si ricordi anche di loro e mi auguro di trovare un lavoro qui da voi”. 

Commenti

commenti

Redazione NewSicilia



© RIPRODUZIONE RISERVATA

Articoli Correlati

Lascia un Commento