Indagini

Canicattì: rischia la reclusione un 15enne accusato di reati informatici

computer-2
30 giu 2016 - 07:45

CANICATTÌ – Quando una passione può diventare una condanna… in questo caso letteralmente. È successo a Canicattì, dove un 15enne amante dell’informatica è stato denunciato per violazione della Privacy.

Il giovane, infatti, ha ricevuto un avviso di comparizione davanti ai giudici del Tribunale dei minori di Palermo. In pratica il ragazzo è accusato di aver violato i dati contenuti nel Pc di un giovane residente a Roma.

Pare che il 15 enne abbia avuto accesso alla password della posta elettronica dell’utente romano e ne avrebbe modificato i contenuti rendendo inutilizzabile la casella di posta elettronica.

Questo è quanto contestato nella denuncia, ma il ragazzo sembra essere completamente estraneo alla vicenda e allude ad una manipolazione dei suoi dati da una terza persona.

Il ragazzo, secondo le attuali leggi vigenti, in caso di condanna rischia una pena che può arrivare fino a un anno di reclusone e 500 euro di multa.

Vittoria Marletta



© RIPRODUZIONE RISERVATA