Vandalismo

Campo Villaggio Dusmet, riqualificare la zona dai teppisti

campetto-villaggio-dusmet1
27 ott 2016 - 10:48

CATANIA - Triste è il destino che si prospetta per per l’area attrezzata del Villaggio Dusmet vista la mancanza di adeguate manutenzioni. A lanciare l’allarme il vice presidente della municipalità di “Ognina-Picanello- Barriera-Canalicchio”, Alessandro Campisi e la consigliera della II circoscrizione, Adriana Patella per evitare che anche questa zona possa diventare un’ulteriore scommessa persa per il quartiere. 

La situazione di degrado a cui si assiste è dovuta al fatto che quest’area di Catania è stata considerata per troppo tempo un quartiere chiuso e separato dal resto della circoscrizione. Oggi, infatti, quasi tremila abitanti del rione subiscono disagi di ogni tipo. 

Il progetto originale di riqualificazione prevedeva la creazione di aree verdi, piste ciclabili, e giochi per bambini. Ciò che, invece, si può ammirare è solo la mancanza di cure delle aiuole e dell’arredo urbano.

campetto-villaggio-dusmet

Nonostante la popolazione del rione sia molto giovane, per i ragazzi del Villaggio Dusmet gli unici luoghi di aggregazione disponibili per fare dello sport restano gli impianti delle vicine scuole o delle parrocchie. La sola area attrezzata pubblica resta il campetto di calcio in via Altavilla. Pare che questo impianto, però, perfettamente accessibili a tutti, non sia ancora stato collaudato e consegnato alla gente.

In realtà, il campetto è usato quotidianamente dai ragazzi, ma senza le giuste misure di sicurezza. Occorre, dunque, un progetto di radicale riqualificazione che preveda anche l’eliminazione delle erbacce e il coinvolgimento delle associazioni per eventi chi mirano alla rivalorizzazione dell’area, al momento invasa dai vandali che hanno distrutto quasi tutto.

In un quartiere sensibile come questo, il ruolo delle istituzioni e delle parrocchia si rivela estremamente importante per combattere la piaga del teppismo e del vandalismo con cui bisogna convivere quotidianamente. 

Redazione NewSicilia



© RIPRODUZIONE RISERVATA